Fare Assenzio Artigianalmente Con Uno Starter Kit

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e Semi

Fatti in casa assenzio


Poche volte una bevanda ha suscitato così tante controversie. Dopo quasi un decennio di divieti per i suoi effetti apparentemente letali, l'assenzio può essere ancora considerato una bevanda pericolosa?

Le origini dell'assenzio sono ancora avvolte nel mistero, dalle storie più macabre di una bevanda capace di uccidere alle favole di un cocktail dagli effetti allucinogeni. Per questo è sempre stato considerato una bevanda adatta solo ai più forti di cuore. Nonostante la sua turbolenta storia, gli assenzi venduti oggi in commercio non sono assolutamente pericolosi. Da quando sono stati annullati i divieti, gli stigmi che circondavano la feroce "Fata Verde" sono ormai dissipati. Per cui, sfatati i vecchi miti, non poteva esserci momento migliore per provare questa leggendaria bevanda verde.

Se invece doveste nutrire ancora qualche dubbio dato il suo oscuro passato, cercheremo di chiarire ed approfondire ulteriormente le proprietà di questo distillato. Esploreremo la storia dell'assenzio, i suoi effetti (senza però trattare l'aspetto allucinogeno) e i migliori modi di degustare questa bevanda nel salotto di casa.

BREVE STORIA SULL'ASSENZIO

Per risalire fino alle origini dell'assenzio dovremmo viaggiare nel tempo fino alla fine del XVIII secolo, quando Pierre Ordinaire, un medico francese, inventò questa particolare bevanda. Le sue intenzioni erano assolutamente nobili, in quanto il suo unico obiettivo era quello di creare nuovi tonici a base di artemisia per curare e trattare alcuni malesseri. Eppure, come molte cose nella vita, il risultato finale prese una direzione del tutto diversa. Acquistata la ricetta da Ordinaire, nel 1797 venne avviata la produzione commerciale. Qualche anno più tardi, un uomo chiamato Major Dubied, insieme al genero, avviò la produzione in Svizzera. Il successo fu tale da spingere Dubied ad esportare nuovamente la produzione in Francia. Fu così che iniziò a crescere la produzione su larga scala, nei primi decenni dell'ottocento.

Absinthe history

A cavallo del 1850, la fata verde era ormai diventata una bevanda ampiamente consumata dalle alti classi sociali. Gli aristocratici di tutto il mondo volevano provare questo brillante liquido verdastro e alquanto seducente. Poeti, scrittori e artisti provenienti da tutta la Francia facevano uso di assenzio per trovare ispirazione e creatività. In poco tempo anche i ceti sociali meno ricchi iniziarono a consumare questa bevanda. I suoi effetti stimolavano così tanto la creatività che le masse ormai la consideravano una bevanda da consumare a qualsiasi ora del giorno. Osservando gli episodi di quell'epoca, quando la gradazione dell'assenzio si aggirava tra il 55 e il 75% (che equivale ad una quantità di etanolo tra 110 e 144 "proof") e la sua commercializzazione era ormai diffusa un po' ovunque, possiamo comprendere i motivi per i quali iniziarono a circolare le prime critiche.

Fu così che a inizio '900 l'assenzio venne proibito, accusato di creare gravi incidenti e decessi. Iniziarono a circolare storie su deliranti allucinazioni provocate dalla fata verde e i governi ebbero il timore di una vera e propria epidemia generata dal suo consumo. In America e in molti altri Paesi venne definitivamente vietato l'uso di questa bevanda. Produzione, consumo e possesso di assenzio divennero così illegali.

Risulta interessante ricordare un famoso episodio usato come pretesto per proibire l'assenzio in tutto il mondo. Un uomo di nome Jean Lanfray uccise la sua famiglia sotto gli effetti, apparentemente allucinogeni, della fata verde. Ciò che venne tralasciato è che il Sig. Lanfray non solo aveva consumato assenzio, ma anche molte altre bevande alcoliche. Infatti, a quanto pare, fu proprio l'eccesso di alcolici a spingere Lanfray ad uccidere tutta la sua famiglia. Risulta quindi infondata la causa scatenante associata agli effetti allucinogeni dell'assenzio, o almeno non risulterebbero tecnicamente e direttamente responsabili di tale atto.

GLI EFFETTI DELL'ASSENZIO

GABA tujone

Arriviamo al nocciolo della questione. Ai giorni nostri, nei quali è stato sollevato qualsiasi divieto, è sicuro bere assenzio? Quali sono gli effetti che potremmo avvertire? Tradizionalmente prodotta attraverso processi di distillazione di anice, finocchio e assenzio, questa bevanda fu a lungo considerata una sostanza dai potenti effetti allucinogeni. Per la precisione, era il composto chimico tujone ad essere considerato responsabile degli effetti psichedelici. Il tujone è il termine usato per indicare l'inibitore GABA (acido gamma-aminobutirrico). Questo inibitore ha la capacità di bloccare i recettori del cervello, causando forti convulsioni. Tuttavia, l'assenzio in sé, ancora prima di essere distillato, contiene minime concentrazioni di tujone che, dopo il processo di distillazione, si riducono ulteriormente. I rischi per l'essere umano, quindi, sono praticamente inesistenti. Infatti, prima ancora che il tujone arrivi ad essere pericoloso per l'organismo, una persona morirebbe di avvelenamento da alcool. Ciò dimostra come l'assenzio, esattamente come qualsiasi altro superalcolico, può essere considerato per quello che realmente è: un particolare ed aromatico liquore.

COME FARE DA SOLI L'ASSENZIO

Ora che abbiamo sfatato gran parte dei miti sull'assenzio, è arrivato il momento di sporcarci le mani. Quale miglior modo di farlo usando un kit per fare assenzio, da usare tra le comode mura di casa. Chiunque di voi fosse interessato a provare l'assenzio artigianale, con questo kit potrà farlo. Proverete questa leggendaria bevanda alcolica senza rischiare di provocare altri divieti internazionali!

IL KIT CONTIENE:

• Le erbe e le spezie tradizionalmente usate per fare l'assenzio contenenti tujone
• Le ricette per fare il cocktail e i long drink di assenzio
• Un'etichetta adesiva da applicare alla vostra bottiglia di assenzio
• Un cucchiaio appositamente fabbricato per disciogliere la zolletta di zucchero con l'assenzio, da cui gocciolerà nel bicchiere, secondo il metodo più tradizionale
• Una descrizione del processo di fabbricazione dell'assenzio
• Una descrizione di come dev'essere assunto l'assenzio (importante)
• Una scatola dove conservare le erbe fresche

RICETTA

(Da 1 kit si produce 1 litro di assenzio)

1. Mettete le foglie di assenzio in una bottiglia di vodka ad alta gradazione

2. Dopo 12-24 ore togliete le foglie (più a lungo le lascerete e più forti saranno gli aromi ed i sapori)

3. Aggiungete tutti gli altri ingredienti nella vodka

4. Lasciate macerare per 5-7 giorni e, successivamente, filtrate la miscela per rimuovere le erbe

5. Prendete gli adesivi ed applicateli sulla bottiglia da voi scelta

COME GODERSI UN BUON ASSENZIO

1. Sopra il cucchiaino appositamente fabbricato per servire l'assenzio posizionate una zolletta di zucchero ed appoggiatelo sopra il bicchiere in cui berrete l'assenzio.

2. Versate 20-30ml di assenzio sulla zolletta di zucchero sospesa sopra il bicchiere.

3. Date fuoco alla zolletta impregnata di assenzio e lasciate che bruci lentamente.

4. Aspettate che lo zucchero si riduca a caramello e si consumi completamente.

5. Aggiungete 2-3cl di acqua fredda.

Infine, sedetevi, rilassatevi e lasciate che gli aromi ed i sapori unici dell'assenzio inebrino il vostro palato. Lasciatevi cullare da misteriose storie di omicidi ed intriganti avventure. Comprenderete le infondate speculazioni e paure associate all'accattivante "La Fee Verte", anche chiamata Fata Verde.

vetro Assenzio con cubetti di zucchero

 

         
  Lucas  

Scritto da: Lucas
Lucas anche è redattore part-time e visionario a tempo pieno. Un anonimo psiconauta atterrato nella società in giacca e cravatta, lavora per portare alle masse le prove evidenti prodotte dalla ragione.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti