Effetti della Marijuana sulle Prestazioni Sportive


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : Arte & CulturaBlogCannabisScienza

Marijuana Prestazioni Sportive


La Cannabis può offrire vantaggi e svantaggi in un contesto sportivo, migliorando o ostacolando le prestazioni fisiche di un atleta.

EFFETTI DELLA MARIJUANA SULLE PRESTAZIONI SPORTIVE

Quando si pensa al classico stereotipo di stoner, le sue possibili capacità atletiche vengono subito messe in discussione. La maggior parte delle persone pensano che i fumatori di marijuana siano più propensi a passare i pomeriggi seduti su un divano, guardando la televisione e sgranocchiando grandi quantità di patatine e pizza. Tuttavia, esistono anche altri profili di stoner. I più moderni consumatori di Cannabis provengono da tutti gli ambiti sociali, mostrando interesse verso gli hobby più diversi. Tra questi ritroviamo anche lo sport, per quanto contraddittorio possa sembrarvi. Ovviamente, alcune attività sportive hanno un rapporto più stretto con la Cannabis rispetto ad altre. Ad esempio, skateboard, snowboard e surf si sposano perfettamente con la marijuana, durante o dopo ogni sessione di allenamento.

Il crescente numero di ricerche sui benefici della Cannabis sta mostrando interessanti risvolti sia in campo medico che sportivo. Tuttavia, i possibili effetti della marijuana sulle attività motorie di un atleta non sono ancora chiari. La maggior parte degli esperimenti sono stati effettuati su animali da laboratorio e i risultati sull'essere umano sono ancora confusi e incerti. Da una parte sembrerebbe migliorare le prestazioni sportive, mentre dall'altra potrebbe ostacolarle, a seconda delle quantità di Cannabis consumate e dal tipo di allenamento richiesto.

Assumere Cannabis dopo un allenamento può aiutare a rigenerare i muscoli dopo un intenso sforzo fisico, agendo come antidolorifico. Inoltre, offre altre proprietà rilassanti ed antinfiammatorie potenzialmente benefiche per reggere meglio l'attività sportiva. Sotto gli effetti della marijuana si possono manifestare risposte più impulsive che possono portare il consumatore ad affrontare con maggiore sfrontatezza le sfide della vita. In questi casi, un atleta può mostrare maggiore impeto in una gara, il che potrebbe rivelarsi estremamente vantaggioso. Quindi, in un ambiente sportivo, il dosaggio ed i tempi in cui viene assunta una dose di marijuana possono essere decisivi per ottenere i risultati desiderati. A seconda delle esigenze dell'atleta, può essere assunta prima, dopo o durante una gara.

In alcune circostanze, la Cannabis può far sentire invincibili, creando situazioni potenzialmente pericolose. Se state pianificando di eseguire esercizi complessi o praticare sport estremi, evitate di farli sotto gli effetti della marijuana. Questa pianta ha la capacità di agire su movimenti, percezione e attenzione. Inoltre, ci teniamo a sottolineare che gli effetti della Cannabis possono durare fino a 36 ore dall'ultima assunzione.

EFFETTI DEL THC SULLE PRESTAZIONI

Quando realizziamo un esercizio fisico, il nostro organismo rilascia endocannabinoidi. Questi endocannabinoidi sono composti naturali prodotti dal nostro corpo che, in combinazione con le endorfine, inducono il cosiddetto "sballo del corridore". Il cervello umano contiene numerosi recettori di cannabinoidi che, quando raggiunti dagli endocannabinoidi, innescano alcune reazioni naturali che riducono l'ansia ed aumentano l'irruenza. La Cannabis fornisce una scorciatoia per lo "sballo del corridore", senza dover realizzare sforzi fisici per raggiungerlo.

 prestazioni sportive THC Cannabis

Tuttavia, alcune funzioni del cervello vengono influenzate negativamente dalla marijuana, come la percezione, l'attenzione e la memoria. Sotto gli effetti del THC, infatti, si possono avvertire alcuni disturbi di memoria a breve termine, una riduzione nei tempi di reazione e difficoltà di coordinamento tra occhio e mano. Inoltre, il THC può anche ostacolare la concentrazione, complicando le manovre più delicate e complesse di un atleta in azione. Di recente, è stato pubblicato uno studio secondo il quale il THC avrebbe la capacità di agire come un estrogeno. Tuttavia, si tratta di una ricerca condotta su topi di laboratorio e non su esseri umani, pertanto i risultati non possono essere considerati attendibili per l'uomo. Inoltre, non esistono ancora prove certe sulla capacità della marijuana di deprimere gli ormoni sessuali dopo un consumo prolungato.

Gli effetti del THC possono variare enormemente anche a seconda del momento in cui viene assunto. Prima di un intenso allenamento, la marijuana può stimolare l'appetito, consentendo di aumentare la massa corporea e quella muscolare in tempi più ridotti. Assumendola su base regolare, i falsi segnali d'appetito diminuiscono ed il consumatore tende a perdere peso più velocemente.

EFFETTI DEL CBD SULLE PRESTAZIONI

La controparte non psicoattiva del THC è il CBD. È un cannabinoide che agisce sui processi metabolici, come le reazioni allo stress, le sensazioni di dolore e appetito e le funzioni immunitarie. Quando viene assunto, il CBD (o cannabidiolo) si lega ai recettori dei cannabinoidi del cervello, responsabili di agire sul sistema immunitario e sulle sue cellule, aumentando le difese immunitarie del corpo.

Il CBD, inoltre, ha anche dimostrato di avere proprietà benefiche per la nostra salute, come l'aumento delle prestazioni cognitive. Poi troviamo il tetraidrocannabivarina (THCV), un altro cannabinoide capace di ridurre il peso corporeo di una persona, in quanto aiuta il corpo a bruciare più velocemente le cellule adipose. Purtroppo, esistono poche varietà di Cannabis contenenti alte concentrazioni di THCV. Potete quindi provare a chiedere al vostro fornitore di fiducia se può aiutarvi a trovare una varietà ricca in CBD e ad alto contenuto di THCV.

COME ASSUMERE LA CANNABIS

Esistono diversi modi di assumere la Cannabis, alcuni più nocivi di altri. Una canna offre buona parte delle proprietà terapeutiche della marijuana, ma il fumo può compromettere notevolmente la salute degli atleti. Inoltre, solo il 50-60% dei cannabinoidi, come il THC, raggiunge il flusso sanguigno, il resto viene completamente degradato durante la combustione. Se preferite fumare Cannabis, sappiate che la quantità di THC assunta in ogni boccata può aggirarsi da 1mg a 15mg. Anche senza aggiungere tabacco, una canna di marijuana rilascia numerose particelle cancerogene che vengono inalate ed accumulate nei polmoni. Questi effetti secondari possono creare diversi problemi di salute ad un atleta. Se però preferite inalare la Cannabis, piuttosto di ingerirla sotto forma di edible o applicarla per via topica sotto forma di oli di Cannabis, allora potete provare i vaporizzatori. Questi dispositivi consentono di vaporizzare la marijuana a temperature più basse, senza bruciarla e senza rilasciare particelle cancerogene.

Tuttavia, anche gli edible e gli oli di Cannabis non sono dannosi per la nostra salute e rientrano forse tra i rimedi terapeutici più indicati in campo sportivo. Quando si ingerisce un alimento a base di marijuana o si applica un olio a livello cutaneo, il contenuto di cannabinoidi assorbito si può ridurre del 10-20%, ma essendo metabolizzati dal fegato, gli effetti psicoattivi tendono a rimanere attivi più a lungo, provocando sensazioni più intense. Sia gli oli che gli edible non rappresentano alcun pericolo per i polmoni e non rilasciano sostanze tossiche o cancerogene.

biscotti marijuana commestibile

LA CANNABIS E LA RIGENERAZIONE MUSCOLARE

Gli atleti che fanno uso di Cannabis sostengono di recuperare le energie muscolari più velocemente. Gli sforzi fisici vengono attutiti e la resistenza nella corsa è maggiore. Inoltre, la marijuana ha anche la capacità di rilassare i muscoli stanchi dopo un allenamento, facilitando la rigenerazione e la distensione muscolare post-gara.

Tuttavia, secondo uno studio condotto su topi di laboratorio, un uso frequente di marijuana potrebbe inibire il recettore CB1 (indirettamente responsabile della sintesi proteica durante la formazione dei muscoli) e, di conseguenza, inibire la crescita e lo sviluppo muscolare. Nonostante ciò, questa ricerca fu condotta su topi di laboratorio, a cui fu somministrata una dose massiccia di THC, per cui risulta impossibile definire i reali effetti sul corpo umano. Altri studi realizzati sull'essere umano, tuttavia, mostrano come il THC abbia la capacità di inibire la secrezione degli ormoni della crescita, responsabili anche dello sviluppo muscolare.

Diversi studi sul CBD hanno dimostrato che questo cannabinoide può avere importanti benefici per la nostra salute, oltre a contrastare gli effetti potenzialmente negativi del THC. Ciò significa che il CBD potrebbe impedire al THC di ostacolare la formazione dei muscoli. Forse, per raggiungere il massimo equilibrio tra rilassamento corporeo ed aumento di massa corporea, bisognerebbe usare oli contenenti concentrazioni bilanciate di THC e CBD. Prima di precipitarci e dare conclusioni affrettate su benefici e rischi della Cannabis nella crescita della massa muscolare, dovremo realizzare ulteriori studi più approfonditi.

Marijuana THC Prestazioni sportive

GLI SVANTAGGI DELLA CANNABIS

Ovviamente, esistono anche alcuni effetti negativi nell'usare Cannabis in un contesto sportivo.

Quando si assume marijuana, vengono attivati alcuni fattori che potrebbero facilmente colpire determinate parti del cervello, limitando le prestazioni di un atleta professionista. Se doveste notare che la Cannabis riduce i vostri tempi di reazione e coordinazione occhio-mano, evitate di farne uso prima di gare o allenamenti.

In uno studi condotto su esseri umani, i partecipanti furono invitati a pilotare aerei con un simulatore di volo. Dai risultati si osservò che le persone sotto l'influenza della marijuana tendevano a commettere più errori rispetto a quelle che avevano fumato una sigaretta placebo. Le loro prestazioni furono influenzate negativamente per almeno due ore dopo l'assunzione, ma tutte le facoltà di guida tornarono alla normalità dopo circa 6 ore. Altri studi dimostrano come l'uso di Cannabis a lungo termine possa diminuire la vigilanza e la lucidità, agire negativamente sulla memoria a breve termine, ridurre i tempi di reazione, accelerare l'affaticamento muscolare e causare malattie cardiovascolari. Inoltre, la marijuana aumenta anche il battito cardiaco, il che potrebbe mettere sotto sforzo il corpo di un atleta ancora prima di un allenamento, anticipando i suoi limiti e riducendo i tempi di resistenza fisica.

Ovviamente, tutti quanti sappiamo quanto possa essere dannoso il fumo di sigaretta per i nostri polmoni e salute in generale. Tuttavia, molte persone si rifiutano di riconoscere i rischi del fumo di marijuana che, sebbene risulti meno dannoso, contiene ugualmente diverse sostanze cancerogene (una delle cause associate all'aumento di bronchiti croniche tra i fumatori di Cannabis).

TEST ANTIDROGA E SPORT

A livello agonistico, tutti gli atleti professionisti vengono sottoposti a continui test per verificare eventuali tracce di droghe o sostanze dopanti. Il World Anti-Doping Association vieta l'uso di Cannabis in tutte le competizioni sportive, citando alcuni studi relativi agli effetti dopanti della marijuana. Secondo queste ricerche, la Cannabis ha la capacità di mantenere calmi gli atleti durante una gara, diminuendo l'ansia ed aumentando il flusso d'aria all'interno dei polmoni (agendo come un vero e proprio broncodilatatore). Anche se la Cannabis, ovviamente, non arriva a provocare gli stessi effetti di uno steroide, è vietata e può essere motivo di squalificazione. Nel mondo sportivo, gli atleti non possono nemmeno meditare o assumere pillole con vitamine, altri aspetti che sollevano ancora accese discussioni.

Se siete atleti a livello agonistico e volete seguire i consigli che vi proponiamo qui di seguito, sappiate che lo farete a vostro rischio e pericolo. Esistono diversi modi per testare THC e CBD nell'organismo di un atleta, ma il più frequente è il classico campione di urine. Usando uno ScreenyWeeny potreste azzardarvi ad aggirare questi test antidroga, consegnando alle agenzie anti-dopping un'urina sintetica con le stesse caratteristiche di un'urina normale, ma priva di sostanze proibite (questi articoli sono dotati anche di un pene finto per simulare l'atto della minzione).

 

         
  Guest Writer  

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti