È Possibile Avere Allucinazioni Fumando o Mangiando Cannabis?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisEducazione alla drogaSostanze psichedeliche
Ultima modifica :

Allucinazioni Cannabis


Allucinazioni da cannabis compaiono in molti film e leggende. Molti di questi esempi tentano di sensibilizzare, il che spesso produce una falsa narrativa riguardo la cannabis. Vi è alcuna base di verità nel potere allucinatorio dell'erba?

È possibile avere delle allucinazioni con la cannabis? Ebbene, dipende davvero dalla persona a cui lo si chiede. Ci sono persone che possono aver fumato quantità industriali di erba, da bong, canne o blunt, in una singola sessione, senza sperimentare la benché minima allucinazione. Al contrario, delle pubblicazioni qua e là sui forum affermano che c'è chi ha avuto delle vivide allucinazioni visive dopo aver fumato un bel po' d'erba. Molti film della cultura pop presentano la cannabis in un modo paragonabile allo LSD, spedendo dei personaggi in un trip psichedelico assurdo dopo appena un tiro di canna. Quest'esempio è ovviamente una grossissima esagerazione, ed ha causato concreti danni all'immagine dell'erba. Ma allora, c'è una via di mezzo? Esiste alcuna prova che indichi la possibilità di allucinare con la cannabis? Ce n'è qualcuna, ma forse non nel senso che vi potreste aspettare.

COS'È CHE PROVOCA LE ALLUCINAZIONI?

Cos'è Che Provoca Le Allucinazioni?

Un'allucinazione è un'esperienza che implica la percezione di qualcosa che non è direttamente presente nella realtà. Molte piante diverse, e funghi, contengono sostanze chimiche che possono indurre allucinazioni. Tali droghe possono alterare le percezioni degli oggetti, ed anche cambiare il comportamento in certi modi. La cannabis non è classificata come allucinogeno; tuttavia, l'erba è psicoattiva, ed esiste la possibilità che modifichi la percezione se consideriamo gli stati psicologici che può produrre.

QUANDO È PROBABILE CHE SI SPERIMENTINO DELLE ALLUCINAZIONI?

I termini “preparazione e situazione” descrivono le condizioni in cui hanno luogo le esperienze psicoattive. “Preparazione” si riferisce allo stato mentale dei partecipanti, e “situazione” al luogo e contesto in cui si sta realizzando l'esperienza. Questi fattori sono da prendere in attenta considerazione quando si cerca di ottimizzare un'esperienza psicoattiva. Per quanto la cannabis non sia in sé direttamente allucinogena, la scelta accurata di un contesto che ne amplifichi gli effetti può davvero aiutare a massimizzare la natura psicoattiva dello sballo. Impostare un'intenzione, e prepararsi mentalmente di conseguenza, può ugualmente indurre uno stato mentale ideale per tale tipo di esperienza.

NOTIZIA CORRELATA
Perché Mangiare Cannabis Risulta Essere Più Forte Che Fumarla

Ingerire Cannabis può provocare effetti sensibilmente più forti rispetto a fumarla. Qui di seguito vi spieghiamo il perché.

Anche il metodo di consumo della cannabis può influire sulla potenza dell'esperienza psichedelica. Se l'erba la si fuma, l'effetto salirà molto più in fretta, ma svanirà anche più rapidamente. Le preparazioni commestibili ci metteranno più tempo a salire, ma dureranno anche più a lungo e, spesso, questo provoca uno sballo più potente.

UN PO' DI SFONDO STORICO

Cannabis Storico

La cannabis è stata usata presso varie culture umane per migliaia di anni, assunta in innumerevoli modi e per molte ragioni differenti. Forse uno dei più antichi resoconti di allucinazioni cannabiche è in relazione con il leader islamico Hassan-i-Sabbah, e risale al secolo XI.

Narra la leggenda che Hassan-i-Sabbah somministrò di nascosto hashish ad un gruppo di seguaci, per immergerli in uno stato di coscienza alterata. Sotto l'effetto della droga, introdusse poi il suo gruppo di sballoni in un lussureggiante giardino popolato di femmine meravigliose. Usò cioè questo scenario favoloso, donne attraenti, e l'effetto della droga, per far credere ai suoi seguaci che fossero entrati in paradiso, e proclamò loro che l'unico modo per far ritorno in quel posto era quello di combattere al suo servizio.

Hassan-i-Sabbah fondò un ordine di assassini, chiamato anche 'Hashshashin'. Questo gruppo era un'organizzazione medievale basata in Medio Oriente. Sebbene il nome dell'ordine sembri riecheggiare la parola “hashish”, la droga che si dice venisse somministrata ai suoi membri, alcune fonti affermano anche che il termine “hashishi” veniva impiegato come termine denigratorio riferito a queste persone, con il senso di “reietti” o “scorie”.

La leggenda venne riportata da quelle terre da Marco Polo, e potrebbe benissimo esser stata esagerata e distorta con il passare del tempo. Se pure questo racconto non costituisce in alcun modo una prova che fosse l'hashish a provocare al gruppo le allucinazioni, è però un potenziale esempio dei potenti effetti della cannabis, e del modo in cui può modificare lo stato mentale di un individuo.

E PER QUANTO RIGUARDA GLI EDIBLES?

Cannabis Edibles

Facciamo un altro rapido tuffo nella storia ed esaminiamo la bevanda a base di cannabis nota come Bhang. Questo beveraggio è ampiamente usato durante il festival Holi in India, ed ha anche radici in certi rituali religiosi nel corso della storia. Si riferisce che dei monaci Indù utilizzino il potere stupefacente del Bhang per indurre degli stati di meditazione trascendentale. La bevanda viene di solito preparata utilizzando latte, ghee, mango, spezie indiane, e ovviamente cannabis.

Il Bhang è un esempio di fonte di cannabis commestibile, nel senso che transita attraverso il tubo digerente e viene metabolizzato in maniera differente dalla cannabis fumata. La cannabis che si fuma agisce rapidamente, nel passare attraverso la barriera sangue-cervello sotto forma di THC, mentre la cannabis commestibile compie un percorso diverso. Quando lo si ingerisce, il THC passa attraverso il fegato e viene convertito in 11-idrossi-THC. Questo processo provoca uno sballo di più lunga durata e maggior intensità. Se la cannabis può in qualche modo provocare allucinazioni a una persona, ciò sarà causato molto probabilmente da una fonte commestibile.

Un articolo scientifico pubblicato nel British Journal of Addiction parla del Bhang come causa di comportamenti allucinatori. I soggetti presi in esame nello studio hanno comunque manifestato sintomi di psicosi dopo ingestione della bevanda. Si sa che la cannabis può provocare episodi psicotici temporanei in certe persone, ed uno dei sintomi di tali stati sono appunto le allucinazioni.

TIPI DI CANNABIS

Tipi Di Cannabis

Il tipo di cannabis che si consuma può certamente avere un effetto su quanto il trip sarà psicoattivo. Cannabis di migliore qualità, coltivata con attenzioni professionali, avrà un più elevato contenuto di THC e sarà di natura più psicoattiva. Usare estratti come oli e tinture farà ottenere risultati più potenti. Anche l'hashish è una buona opzione per uno sballo psicoattivo forte e puro. La cannabis sintetica, cannabinoidi sintetizzati in laboratorio, pare produca forti effetti. Queste versioni sintetiche sono tuttavia anche in relazione con effetti secondari gravi e perfino letali.

VARIETÀ DI CANNABIS CHE POSSONO INDURRE STATI DI COSCIENZA ALTERATA

Ecco alcune varietà estremamente forti, che possono aiutarvi a sperimentare il vero lato psicoattivo della cannabis.

Marionberry Kush

Marionberry Kush è un'ibrida a dominante Indica, risultato dell'incrocio fra Raspberry Kush e Space Queen. Questa genetica innesca un poderoso sballo psichedelico, a causa del suo strabiliante contenuto di THC al 23%.

Amnesia Haze

Amnesia Haze è una saporita varietà che offre dolci aromi citrici. È nota per il suo sballo potente ed energetico, che confina con la psichedelia. È estremamente tonificante, e se la si assume con le giuste condizioni mentali suscita sentimenti di felicità ed euforia. Questa varietà contiene un poderoso 22% di THC.

Jack The Ripper

Jack The Ripper è una possente Sativa che offre un contenuto di THC del 18%. Se assunta ad alte dosi induce uno sballo a connotazione psichedelica. La natura Sativa di questa varietà induce una stimolazione energetica e creativa.

Great White Shark

Great White Shark è il prodotto di genetiche Super Skunk, brasiliane e del sud dell'India. Questa varietà offre un contenuto di THC del 17%, inducendo un potente sballo mentale e fisico con forti effetti narcotici.

CONCLUSIONE

La cannabis non è una droga allucinogena come i funghi psilocibinici o lo LSD. La cannabis è psicoattiva, e può provocare stati di euforia e processi mentali molto interessanti. Sembra estremamente improbabile o addirittura impossibile allucinare con la cannabis, a meno che una persona non stia sperimentando allucinazioni visive o auditive in quanto sintomi di un episodio psicotico.

Essere estremamente sballati può dare come risultato alcune distorsioni della realtà, a causa degli effetti di alterazione della coscienza, ma queste non sono vere e proprie allucinazioni.

Luke Sumpter

Scritto da: Luke Sumpter
Luke Sumpter è un giornalista basato nel Regno Unito, specializzato in salute, medicina alternativa, erbe e terapie psichedeliche. Ha scritto per media come Reset.me, Medical Daily e The Mind Unleashed, coprendo queste ed altre aree.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti