Cosa È lo Yopo e Come Si Usa

Pubblicato :
Categorie : BlogCome si faErbe e Semi

Cosa È lo Yopo e Come Si Usa


Per almeno 4000 anni, lo yopo è stato usato dagli sciamani del Sud America per indurre stati alterati di coscienza. Preparare e consumare lo yopo a casa vostra vi permette di esplorare questi antichi reami. Imparate il “cosa” e il “come” dello yopo, in questa guida di Zamnesia.

COSA È LO YOPO?

Lo Yopo è un grande albero leguminoso originario dei Caraibi e dell'America del Sud. La Anadenanthera peregrina cresce fino a venti metri e produce abbondanti quantità di baccelli. Cosa importante, all'interno di ciascun baccello si trovano fra tre e dieci fave, o semi. Una volta preparati ed essiccati, questi semi diventano un potente psichedelico. L'uso sciamanico e la storia dello yopo, jopo, cohoba, parica, o “albero del calcio”, si perdono nella notte dei tempi. Gli europei ne descrissero per la prima volta l'uso nel 1571, e l'archeologia odierna data alcuni accessori per l'uso dello yopo, provenienti dall'Argentina, a 4000 anni fa.

La famiglia della DMT la fa da protagonista in qualità di principale ingrediente attivo nello yopo: 5-MeO-DMT, 2,9-dimetiltriptolina, e ossi-dimetiltriptamina, per citarne solo alcuni. Ma non sono questi i soli alcaloidi presenti nei semi: nel frutto e nella corteccia dell'albero di yopo si trovano anche diversi altri ingredienti attivi, come bufotenina, catecolo, metiltriptamina e saponarentina.

Lo yopo riveste particolare interesse in quanto contiene inibitori delle monoammino ossidasi (MAOI) e bufotenina. Non è tuttavia chiaro se la bufotenina sia attiva, o invece chimicamente “bloccata” e indisponibile.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLO YOPO?

Quali Sono Gli Effetti Dello Yopo?

Lo yopo induce un trip breve e intenso, per molti aspetti simile a quello della DMT. Intense esperienze visuali di motivi geometrici, visioni di morte e rinascita, e dissoluzione dell'ego sono tutti elementi comuni.

Secondo il metodo tradizionale (ed anche il più efficace), il preparato a base di yopo viene insufflato o sniffato. Il più delle volte, un compagno viaggiatore soffia lo yopo in profondità nelle narici dell'accolito. Tentare di sniffare la polvere di yopo senza assistenza è una vera sfida fisica; la polvere è caustica e irritante, e di solito chi ci prova abbandona prima di averne assunto sufficientemente perché produca il suo pieno effetto.

L'aiuto di un assistente garantisce l'assunzione di una dose corretta, ancorché sgradevole, tutta in una volta. Conviene non inghiottire alcuna secrezione che dovesse colare in fondo alla gola: il rischio di nausea e vomiti è già elevato, ed ingoiare questo muco alcalino garantisce uno spurgo dal sapore disgustoso.

Una volta che avete consegnato il vostro biglietto al conducente iperdimensionale, gli effetti possono cominciare ad avvertirsi entro 5-10 minuti. Il pieno effetto si manifesta dopo 10-20 minuti, ed il picco si ha ai 20-30 minuti. Una discesa di 10-20 minuti, seguita da un'ora o due di piacevoli effetti postumi, fanno parte dell'esperienza.

STORIA DELLO YOPO

Storia Dello Yopo

Per millenni, gli sciamani sudamericani hanno usato lo yopo come “psichedelico da fiuto”, e le culture indigene hanno lasciato che contribuisse a modellare il loro paesaggio spirituale. Le prime prove dell'impiego di yopo si son trovate a Inca Cueva, in Argentina. Le pipe in osso di puma, ed i semi di Anadenanthera peregrina, son stati datati tramite radiocarbonio e fatti risalire al 2130 AC, indicando che l'uso di yopo dura da più di 4000 anni. Analogamente, sulla costa centrale del Perù son stati scoperti piattini per sniffare e pipe, che risalgono al 1200 AC.

In tutta l'America del Sud veniva fatto notevole uso di questo psichedelico; era impiegato dalle tribù native del bacino dell'Orinoco in Colombia, Venezuela e nella parte meridionale della regione amazzonica in Brasile. Più a nord nella zona dei Caraibi, anche le tribù di Portorico e Hispaniola usavano yopo per scopi cerimoniali e curativi.

Oggi, il moderno psiconauta trova nello yopo un ulteriore strumento per fare esperimenti con la coscienza. Lo Yopo si può trovare facilmente negli “smart shop”, ed è alquanto legale. Lo status di legalità rende quest'antica e venerata pianta medicina un'eccellente alternativa a sostanze che potrebbero costarvi un soggiorno in prigione. Con alcune semplici preparazioni domestiche, è possibile compiere un viaggio nei reami delle antiche tradizioni.

PREPARAZIONE DELLO YOPO

Preparazione Dello Yopo

Come tanti altri alcaloidi, lo yopo non è molto di gradimento alle papille gustative, come si vorrebbe che fosse – piuttosto il contrario. Sembra che tutto ciò che contiene DMT abbia un pessimo sapore. Dev'essere la natura degli alcaloidi, che li rende sgradevoli da sniffare, bere o fumare; ed è un curioso scherzo della natura, che questa meravigliosa sostanza non abbia sapore di torta al doppio cioccolato.

Di cosa avrete bisogno:

  • Semi di yopo
  • Acqua di calce alimentare (idrossido di calcio)
  • Bicarbonato di sodio
  • Padella
  • Pestello e mortaio (macinino da caffè o robot da cucina)
  • Acqua

Procedimento:

  1. Tostate leggermente i semi di yopo nella padella, fino a che si aprono o spaccano in due. Ciò può richiedere una mezz'ora.
  2. Togliete i gusci e continuate a tostarli fino a che diventano croccanti. 
  3. Lavorate i gusci secchi fino a farne una polvere sottile, il più fina possibile.
  4. Aggiungete l'acqua di calce a metà della polvere di yopo triturato.
  5. Aggiungete bicarbonato a metà della polvere di yopo triturato.
  6. Aggiungete alcune gocce d'acqua, e combinate il tutto in una pasta densa. 
  7. Lasciate seccare completamente la pasta, o fatela seccare delicatamente in padella (non bruciatela; se bruciata o carbonizzata è semplicemente atroce).
  8. Una volta che è secca, lavoratela fino a farne una polvere.
  9. Consumatela come polvere da fiuto.

DOSAGGIO & RACCOMANDAZIONI

Dosaggio & Raccomandazioni Yopo

Più yopo si consuma, più intensa sarà l'esperienza. La durata degli effetti è la stessa, ma si va più a fondo nella tana del coniglio. Lo yopo produce effetti a partire da una dose minima di 1-2 semi, che procurano un'esperienza leggera. 2-3 semi danno un'intensità moderata, e 4 semi o più inducono un'esperienza forte.

È saggio cominciare con poco, ed arrivare gradatamente a dosi più elevate. Come sempre nel caso della sperimentazione con psichedelici, trovate prima la vostra soglia di tolleranza. La DMT può davvero scuotere certe persone, quindi andarci piano è consigliabile per chi ne fa uso per la prima volta.

Per un pieno effetto, trovate qualcuno che vi soffi la polvere nel naso. La sgradevole sensazione di sniffarla da sé potrebbe finire per non farvi assumere la dose desiderata. Qualcuno che con una cannuccia o una pipetta vi soffi di forza la polvere in entrambe le narici, è il metodo più efficace.

All'insorgere dei primi effetti, lo yopo può provocare nausea, mal di testa, stordimento, e talvolta, a dosi più alte, anche vomiti. Per rendere l'esperienza più piacevole, aiuta essere a stomaco vuoto. Non è per forza necessario digiunare, ma fate in modo di non mangiare per alcune ore prima di cominciare il vostro viaggio.

Organizzazione e preparazione, stato mentale e umore svolgono un ruolo importante in qualunque esplorazione psichedelica. Meditare, fare yoga, o respirare profondamente prima di cominciare l'esperienza, aiuta a preparare e calmare la mente, perché l'esperienza possa essere positiva. Siete avvisati: lo yopo è uno psichedelico intenso. Cominciate con la dose più leggera, per evitare uno spiacevole primo viaggio.

Lo yopo è un modo legale per avventurarsi in un mondo di sogno, esplorato da antiche popolazioni indigene per migliaia di anni. Che la vostra intenzione sia quella di essere psiconauti seri, che si spingono al di là dei propri limiti, o vogliate semplicemente andar fuori di brutto, lo yopo è un'aggiunta interessante e potente ad ogni farmacopea psichedelica.

NOTIZIA CORRELATA
Cos'È un Rito di Ricerca della Visione e Perché Parteciparvi?

Esploreremo cos'è un rito di ricerca e perché dovresti intraprenderne uno. In più, spiegheremo come prepararsi per un viaggio e come si esegue.

Electric Wombat

Scritto da: l'Electric Wombat
Artista e scrittore, l'Electric Wombat è un giardiniere professionista con un grande amore per gli spazi all'aperto. Quando non cresce, lavora alla sua arte, si gode la natura con il suo cane, o si crea i propri vestiti!

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti