Consigli colturali: Quando e come raccogliere la Cannabis

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare Cannabis

Consigli colturali: Quando e come raccogliere la Cannabis

Rischiare di rovinare il proprio raccolto per un errore commesso negli ultimi giorni di vita di una pianta è una pericolosa eventualità da evitare a tutti i costi. Ecco una...

...breve guida che può aiutarvi a valutare il momento più idoneo per raccogliere le vostre piante.

Sapere quando è giunto il momento di raccogliere la Cannabis è essenziale se si vuole ottenere il massimo dalle proprie piante. Una semplice svista potrebbe rovinare un intero raccolto, producendo cime più leggere e meno saporite (un rischio che nessun coltivatore vorrebbe mai correre!). Si tratta di errori commessi soprattutto dai principianti, cui inesperienza può spesso portare a gestire in modo sbagliato le ultime fasi della crescita di una pianta. Per evitare che anche voi commettiate gli stessi errori, abbiamo raccolto alcune indicazioni in una pratica guida, con cui potrete imparare a raccogliere le vostre cime come veri e propri professionisti del settore.

1. PROCURATEVI UN MICROSCOPIO TASCABILE

I fiori della pianta di Cannabis tendono a ricoprirsi di numerosi e piccoli tricomi cristallini, contenenti i preziosi cannabinoidi. Osservando più da vicino i tricomi si può apprezzare il loro stadio di sviluppo in modo molto più dettagliato e, di conseguenza, il momento più opportuno per tagliare le cime. Tuttavia, per poter adottare questa tecnica bisogna poter disporre di un piccolo microscopio tascabile, con un ingrandimento di 25x-100x. Grazie a questo strumento avrete la possibilità di osservare facilmente le varie fasi di sviluppo dei tricomi distribuiti sulle cime di Cannabis. L'obiettivo è quello di seguire le loro variazioni cromatiche. Nelle prime fasi di sviluppo i tricomi sono trasparenti, ma, con il passare del tempo, assumono tonalità più torbide, fino a diventare di colore ambrato dopo aver avviato il loro processo di degradazione. Quando la maggior parte dei tricomi mostrano un aspetto torbido vuol dire che le concentrazioni di cannabinoidi sono al loro massimo livello. Invece, quando i tricomi iniziano ad assumere colori più ambrati significa che il contenuto di cannabinoidi ha già raggiunto il suo picco e si sta degradando.

È importante sottolineare che le variazioni cromatiche non sono uguali in tutte le varietà di Cannabis. I tricomi di alcune varietà possono addirittura iniziare la loro fase di sviluppo assumendo colorazioni ambrate, confondendo e spaventando il coltivatore. Anche in questo caso, ciò che realmente importa è osservare con una certa frequenza le variazioni cromatiche dei tricomi, dalla loro fase iniziale a quelle successive.

2. FATE SCORRERE VIA I SALI ACCUMULATI NELLE RADICI

Nelle ultime due settimane di fioritura si deve interrompere la concimazione delle piante di Cannabis per procedere al lavaggio delle loro radici (lisciviazione). In questo modo potrete rimuovere tutti i sali e i fertilizzanti accumulatisi nel terreno durante la coltivazione, costringendo le piante di Cannabis ad utilizzare le loro ultime riserve. Alcuni di voi potrebbero rimanere sorpresi da questo processo, ma, fidatevi, è un passo imprescindibile. Spingendo le vostre piante ad assorbire tutte le loro ultime riserve, vi assicurerete che gli zuccheri, l'amido e tutte le altre sostanze nutritive vengano utilizzati ed eliminati pochi giorni prima del raccolto. In caso contrario, le cime potrebbero prendere sapori amari, meno gradevoli da fumare e meno facili da bruciare.

Prima di tutto, il lavaggio delle radici (flush, in inglese) deve essere avviato due settimane prima del raccolto, cercando di fare coincidere il momento del taglio con quello della variazione cromatica di gran parte dei tricomi (che dovranno avere una tonalità torbida). Riuscire a sincronizzare l'inizio di un flush con le ultime due settimane di sviluppo dei tricomi può essere alquanto complesso, ma imparerete con l'esperienza. Tenete d'occhio fin da subito lo sviluppo dei vostri tricomi, osservando la velocità con cui cambiano colore. In questo modo riuscirete a stimare, a grandi linee, il tempo impiegato dalla maggior parte dei tricomi per volgere alle tonalità più torbide.

Il lavaggio delle radici dev'essere realizzato con semplice acqua. Si aggiunge un quantitativo d'acqua sufficiente a saturare completamente il terreno. In questo modo il substrato verrà inzuppato dall'acqua che, dopo circa 5-10 minuti, avrà disciolto i sali e le sostanze nutritive in eccesso. A questo punto si procede con una seconda innaffiatura abbondante, in modo da consentire all'acqua di attraversare tutto il substrato, portando con sé tutti i residui, fino a defluire al di sotto del vaso forato (o negli strati più profondi del terreno in caso di coltivazioni outdoor). Questo processo è conosciuto come "flush a due fasi". Dovrete ripetere questa tecnica a intervalli regolari durante le ultime due settimane prima del raccolto, in modo da essere sicuri di aver ripulito completamente tutto il substrato.

Se volete verificare il contenuto di sostanze nutritive all'interno delle vostre piante di Cannabis e valutare se sono state effettivamente esaurite, spezzate una foglia ed avvicinate la lingua al gambo reciso, da cui vedrete uscire qualche goccia di linfa. Se quest'ultima dovesse risultare amara vuol dire che all'interno della pianta sono ancora presenti sostanze nutritive. Se invece non dovesse avere alcun sapore, allora è il momento giusto per tagliare la pianta!

3. RACCOGLIERE PRIMA CHE LE LUCI SI ACCENDANO

Infine, un suggerimento spesso trascurato da molti coltivatori è quello di raccogliere prima che si accendano le luci o prima che sorga il sole, in caso steste coltivando all'aperto. Nelle ore di oscurità, le piante di Cannabis tendono ad accumulare il loro contenuto di amido nelle radici (amido che si muoverà verso le periferie delle parti vegetali esterne una volta che la pianta verrà esposta nuovamente alla luce). Raccogliendo nelle ore di oscurità, ci si assicura che i livelli di amido contenuti nelle cime sono al minimo. Ciò consentirà di ottenere un'erba molto più piacevole da fumare.