Concimazione fogliare: Mito o realtà miracolosa?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare CannabisScienza

Concimazione fogliare: Mito o realtà miracolosa?

Quando si tratta di concimare le piante di Cannabis, il metodo più usato è quello di apportare fertilizzanti attraverso l'irrigazione, a livello radicale. Tuttavia, la concimazione fogliare ...

... (ovvero spruzzare sostanze nutritive direttamente sulle foglie) ha preso sempre più piede nelle colture di tutto il mondo, da cui emergono testimonianze piuttosto promettenti. È per questo che abbiamo deciso di approfondire questo interessante argomento e scoprire quali sono i vantaggi di questa tecnica di concimazione.

È risaputo che quando un concetto viene ripetuto più volte nel settore della Cannabis, alla fine quasi tutti finiscono per crederci. L'illegalità della Cannabis ostacola la ricerca in questa direzione e alcune informazioni tendono a rimanere piuttosto confuse e ripetitive. Molte persone che coltivano per hobby si trovano costrette a fare affidamento su segnalazioni e testimonianze aneddotiche per poter procedere correttamente con le proprie piantagioni. La concimazione fogliare ne è un esempio. Se provate ad entrare in qualsiasi foro specializzato in Cannabis, troverete quasi sicuramente informazioni sulla concimazione fogliare e sui suoi vantaggi. Ma quello che tutti quanti vogliamo sapere è: quanto è efficace? E ne vale veramente la pena?

CONCIMAZIONE FOGLIARE: COME FUNZIONA

La concimazione fogliare è una pratica colturale piuttosto semplice da comprendere. Quasi tutte le specie vegetali, compresa la Cannabis, sono in grado di assorbire acqua attraverso gli stomi delle foglie. Ciò significa che spruzzando sulle foglie di Cannabis una soluzione di acqua e fertilizzanti, la pianta intera riceverà un apporto di sostanze nutritive direttamente sulle parti vegetali (con risultati, presumibilmente, quasi istantanei).

CONCIMAZIONE FOGLIARE DELLA CANNABIS: NE VALE LA PENA?

Qui non stiamo mettendo in discussione se la concimazione fogliare funziona o meno. È documentato e provato che le piante sono in grado di assorbire acqua attraverso gli stomi, per cui non c'è motivo di dubitare che la Cannabis non lo faccia. Ciò che vogliamo sapere è se risulta così vantaggiosa da dover prendere in considerazione il suo impiego.

Dalla nostra esperienza personale è emerso che la concimazione fogliare risulta essere un efficace sistema per stimolare la crescita delle piante, quasi paragonabile alla spinta che potrebbe ottenere un coltivatore esperto immettendo anidride carbonica in una coltivazione indoor. Inoltre, si tratta di un'ottima strategia con cui garantire alle piante un costante apporto di sostanze nutritive, soprattutto a tutti quegli esemplari sotto stress a livello radicale.

Tuttavia, i risultati che si possono ottenere sono piuttosto marginali. Per quanto una concimazione fogliare possa dare esteticamente risultati quasi istantanei, il reale assorbimento di tutte le sostanze nutritive è lento, di breve durata e le concentrazioni di fertilizzante in grado di penetrare nella foglia sono basse. Inoltre, come tutte le specie vegetali, con l'età la foglia riduce la sua capacità di assorbire liquidi dall'esterno, dato che le cellule vegetali tendono a irrobustire le proprie pareti riempiendo gli spazi intercellulare (spazi usati dagli ioni delle soluzioni concimanti per penetrare con maggiore facilità). - Fonte: ‘Mineral Nutrition of Higher Plants, 2nd edition' by Horst Marschner. -

In ogni caso, non c'è nulla di sbagliato nell'utilizzare la concimazione fogliare. I risultati esistono e molti coltivatori sono convinti che le loro piante crescano più velocemente e siano in grado di produrre raccolti più generosi grazie proprio a questa pratica colturale. Il nostro consiglio è quello di non limitarsi ad adottare la concimazione fogliare come unica fonte di sostanze nutritive, ma di apportare fertilizzanti anche a livello radicale, in modo da garantire alle piante di Cannabis tutto ciò di cui hanno bisogno per crescere correttamente.

COME ESEGUIRE UNA CONCIMAZIONE FOGLIARE SULLA CANNABIS

Se siete interessati a dare alle vostre piante di Cannabis una spinta in più, allora potete seguire le indicazioni qui riportate. Molte delle testimonianze da noi consultate consigliano di usare un nebulizzatore professionale con cui spruzzare la soluzione contenente acqua e fertilizzanti direttamente sulle foglie. Tuttavia, la ricerca che studia i movimenti delle sostanze nutritive a livello fogliare attraverso l'uso di isotopi radio, ha scoperto che i fertilizzanti riescono a penetrare efficacemente anche se somministrati "grossolanamente", formando sulle foglie gocce di grandi dimensioni. Ciò significa che un nebulizzatore tecnologicamente avanzato con un sistema di pressione professionale sarebbe assolutamente superfluo, oltre ad essere una spesa inutile. È sufficiente applicare la soluzione concimante con un panno o con un normale spruzzino. In commercio ci sono diversi modelli in grado di nebulizzare più o meno finemente l'acqua, ma ciò non andrà ad influire sull'efficacia della concimazione in sé.

Iniziate diluendo in acqua i vostri fertilizzanti ad un 25% delle dosi consigliate e spruzzate direttamente sulle foglie una volta al giorno. Potreste eventualmente aumentare la concentrazione fino ad un 50%, o più, a seconda di come risponde la vostra pianta. L'importante è evitare le sovraconcimazioni. E ricordate: dovrete continuare a seguire il vostro normale piano di fertilizzazione a livello radicale, il che significa che non dovrete eccedere con quello fogliare.

Inoltre, come nota a margine, la Cannabis può essere concimata sulla superficie fogliare solo nella sua fase di crescita vegetativa. Quando comincia il periodo di fioritura, le piante iniziano a ricoprirsi di resina intorno alle cime, come misura di protezione. Se si continuassero a nebulizzare sostanze liquide sulla pianta, si rischierebbe di lasciare sulla superficie fogliare una patina liquida che non verrebbe assorbita e, di conseguenza, porterebbe ad un aumento di umidità e muffe.

Ma allora la concimazione fogliare è una realtà miracolosa o no? No, ma non è nemmeno un mito. Può essere una facile ed efficace spinta con cui incrementare la crescita delle vostre piante di Cannabis. La sua facilità d'impiego e la sua spesa irrisoria possono essere la scusa per provarla almeno una volta. C'è poco da perdere e, evitando di sovraconcimare le piante o di spruzzare le sostanze nutritive nel periodo di fioritura, difficilmente potrete causare qualche danno. Si tratta sicuramente di una valida strategia colturale!