Come Prevenire la Nausea da Kratom

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e Semi

Come Prevenire la Nausea da Kratom

Il Kratom può alleviare dolori, ridurre depressione e ansia ed offrire una sferzata d'energia. Tuttavia, un dosaggio elevato può produrre effetti collaterali. Scoprite come assumere quest'erba senza conseguenze negative.

Il Kratom può farvi sentire più eccitati e positivi. Inoltre, può anche rilassare, alleviare i dolori ed aiutare a conciliare il sonno. Tuttavia, il Kratom può produrre anche nausea e giramenti di testa, sensazioni piuttosto sgradevoli che nessuno vorrebbe mai avvertire. Ecco alcuni modi per prevenire la nausea da Kratom:

CONOSCERE E RISPETTARE I DOSAGGI

Quando si assumono quantità troppo elevate di Kratom, si possono facilmente avvertire dolori di stomaco. Con dosi più basse, ma pur sempre efficaci, si potrebbero ridurre sensibilmente i rischi.

Per trovare la dose più adatta alle vostre esigenze, iniziate assumendo solo un grammo di Kratom ed aspettate di vedere i suoi effetti. Se non doveste ottenere i risultati desiderati, prendete un altro grammo dopo 45 minuti. Non appena sarete riusciti ad ottenere le sensazioni desiderate, interrompete l'uso. Il giorno successivo riprendete da dove avevate interrotto e ripetete gradualmente l'aumento delle dosi, fermandovi nuovamente prima di avvertire sensazioni troppo forti.

Siate il più precisi possibile nel dosare le quantità da assumere. Invece di farlo ad occhio, usate una bilancia digitale, in modo da sapere la quantità esatta che state per prendere. Anche dopo aver trovato la dose ottimale di Kratom, aspettate almeno quattro ore prima di prenderne un'altra, per evitare le eventuali sensazioni di nausea.

Cambiando fornitore o varietà, la potenza del Kratom può variare, richiedendo modifiche nel dosaggio per evitare eventuali effetti collaterali indesiderati. Fino a quando non avrete acquisito una certa esperienza, cercate di usare sempre la stessa varietà di Kratom e le stesse fonti di approvvigionamento.

ANTIACIDI 30 MINUTI PRIMA, UN LEGGERO SPUNTINO 30 MINUTI DOPO

L'organismo tende ad assorbire meglio gli alcaloidi benefici del Kratom a stomaco vuoto, ma ciò potrebbe comportare fastidiosi dolori di stomaco. Assumendo un antiacido 30 minuti prima della somministrazione del Kratom si dovrebbero evitare questi malesseri, senza interferire con gli effetti della sostanza. Inoltre, ingerendo un pasto leggero dopo circa 30 minuti dall'assunzione, si dovrebbe dare al corpo sufficiente tempo per assorbire quasi tutti i componenti attivi. Che adottiate uno dei due metodi, o entrambi, riuscirete a ridurre o prevenire la nausea.

Qualsiasi cosa decidiate di fare, evitate di mangiare troppo. Il cibo può dare al Kratom una spinta in più che potrebbe creare sensazioni di nausea meno facili da gestire.

REALIZZARE UN TÈ INVECE DI MESCOLARE LA POLVERE IN ACQUA

Assumendo una dose in polvere di Kratom, mescolata direttamente in acqua, sarete più propensi ad avvertire nausea rispetto a quello che potreste sentire bevendo un tè.

Quando si assume Kratom in polvere si ingeriscono tutti i componenti della pianta: clorofilla, cere, fibre ecc. Tali composti non contribuiscono necessariamente all'insieme di effetti indotti dal Kratom, ma possono provocare nausea. Quando si prepara un tè, invece, gran parte di questi composti inutili vengono eliminati, ma gli alcaloidi più potenti si mantengono in soluzione. È per questo che il tè di Kratom è particolarmente indicato per ridurre il rischio di nausea.

Se non potete fare a meno di mescolare la polvere di Kratom direttamente nell'acqua, usate una quantità più piccola di quella normalmente utilizzata per preparare un tè.

AGGIUNGERE ZENZERO PER RIDURRE E PREVENIRE LA NAUSEA

Lo zenzero è una spezia naturale rinomata per la sua capacità di ridurre nausea e contrastare alcuni malesseri di stomaco. Macinatene un po' ed aggiungetelo al Kratom in polvere da mescolare in acqua o per preparare un tè. Il sapore vi risulterà un po' piccante, ma sarà comunque molto più gradevole del Kratom puro in polvere.

Se doveste avvertire forti sensazioni di nausea dopo l'assunzione di Kratom, provate a masticare un pezzo di zenzero fresco, potrebbe aiutarvi a sentirvi meglio. Lo zenzero cristallizzato è la radice elaborata in forma di candito e può risultare più gradevole da ingerire rispetto alla versione fresca e piccante, poco gradita da alcuni.

Non dimenticatevi che anche la Cannabis è rinomata per la sua capacità di ridurre la nausea, esattamente come lo zenzero. Se avete la fortuna di vivere in un Paese che ha legalizzato questa pianta, potreste avere accesso ad un rimedio del tutto naturale. Tuttavia, non dimenticatevi che ciò apporterà anche una spinta psicoattiva in più al cocktail a base di erbe. Adottate, quindi, questo suggerimento con le dovute precauzioni.

Prendendo gli opportuni accorgimenti e rispettando le proprietà del Kratom, potrete ottenere tutti i benefici di quest'erba benefica senza provare sensazioni di nausea o altri sgradevoli effetti collaterali. E voi come preferite assumere il Kratom?

 

         
  Laura  

Scritto da: Laura
Redattrice ospite con cui spesso collaboriamo, Laura vive nel cuore selvaggio della East Coast americana. Risiede nella fattoria di famiglia, dove con il tempo ha sviluppato un profondo rispetto per la Cannabis, riuscendo a dominarne ed affinarne la coltivazione.

 
 
      Scopri i nostri scrittori