Come fare il burro di Cannabis

Published :
Categories : BlogRicette

Come fare il burro di Cannabis

Il burro di marijuana, o cannabutter, è alla base della maggior parte delle ricette con Cannabis. Sapere come realizzarlo assicurerà un potenziale di buona riuscita in più per la vostra cucina, offrendovi sensazioni grandiose e vibranti.

Bisogna dire che esistono diversi modi per realizzare il burro di Cannabis, quello che vi proponiamo qui di seguito è solo uno fra tanti.

Prima di tutto, una raccomandazione. Cucinare utilizzando in combinazione grassi ed acqua potrebbe essere molto pericoloso se siete goffi o impreparati. Vi raccomandiamo vivamente, pertanto, di indossare abiti a manica lunga e guanti resistenti al calore. Senza seguire queste indicazioni, potreste correre il rischio di bruciarvi, e non potrete certo ritenerci responsabili di un'eventuale ustione.

E`possibile realizzare il burro di Cannabis a partire dalle cime, ma la maggior parte delle persone ritiene che sarebbe uno spreco, in quanto è molto meglio fumarle. In alternativa, potete usare gli scarti e i ritagli dei vostri raccolti. Questo vi permetterà di fare un burro di marijuana dagli effetti ancora evidenti, senza andare ad intaccare le vostre scorte personali. Nella scelta dei vostri scarti e ritagli, date la priorità alle foglie. Queste, infatti, hanno un contenuto molto più alto di cannabinoidi, rispetto a steli o rami, grazie ad una maggiore concentrazione di tricomi. Questo non vuol dire che non dobbiate usare rami o steli: li potete aggiungere senza correre alcun rischio andando, così, ad aumentare la quantità del vostro prodotto.

Livello di difficoltà: Intermedio

Tempo di preparazione: 30 minuti

Tempo di cottura: 3 ore - giornata intera

AVRETE BISOGNO DI:

  • - Marijuana
  • - Pentole
  • - Miscelatore
  • - Burro
  • - Acqua
  • - Fornello
  • - Cucchiaio di legno
  • - 2 Setacci (ed eventualmente una garza, a seconda di quanto finemente avrete macinato la vostra marijuana)
  • - Contenitori di plastica

 

  1. Per trattare la vostra erba dovrete macinarla il più finemente possibile. Questa operazione ne aumenterà la superficie di contatto, consentendo di migliorare l'estrazione dei principi attivi durante la fusione del burro. Per ottenere ciò potete ricorrere all'uso di un frullatore. Si potranno, così, macinare finemente interi sacchi di ritagli in una manciata di minuti.
    Il processo di realizzazione del burro di Cannabis si basa sul principio di fusione degli oli della Cannabis con gli oli derivanti dal burro, attraverso il calore: le due parti separate si fondono efficacemente diventando una cosa sola. Questo è il motivo per cui è importante che l'area della superficie di contatto sia la più ampia possibile: più area di contatto equivale a più olio di Cannabis estratto, il che vuol dire burro migliore.
  2. Il passo successivo sarà la scelta di una pentola adatta a contenere per 1/3 della sua capienza la vostra marijuana macinata: se ne avete una piccola quantità, scegliete una piccola pentola; se ne avete in abbondanza scegliete una grande pentola/più pentole, a seconda delle necessità.
  3. A questo punto potrete aggiungere nella vostra pentola stecche di burro e acqua in un rapporto di 1:4. In definitiva, per ogni 250g di stecche di burro, aggiungerete un litro d'acqua (1000ml). Ripetete l'operazione finché non avrete riempito tutte le pentole che andrete ad usare, fino ai 2/3 della loro capacità.
  4. E`importante attenersi alle suddette misurazioni nella valutazione della capacità delle pentole da usare (1/3 e 2/3 rispettivamente) perché dovrete andare a scaldare la vostra miscela il prima possibile. Una volta che questa comincerà a bollire avrete grassi ustionanti e oli gorgoglianti in circolazione e, se la vostra pentola dovesse risultare troppo piena, potreste incappare nei rischi citati all'inizio di questo articolo. Gli oli e i grassi bollenti, infatti, possono schizzare ovunque, col rischio di bruciarvi e di fare un assoluto pasticcio nella vostra cucina.
  5. Ora che avete la vostra "zuppa" di burro ed erba in pentola, è ora di cominciare a cuocerla. A questo punto avete due possibilità diverse, sulle quali è possibile discutere. Potreste aggiungervi acqua ad una temperatura veramente molto elevata portando ad una tanto veloce quanto violenta bollitura, oppure potete raggiungere la temperatura di 100°C e portare ad ebollizione lentamente. Una bollitura violenta è sicuramente molto più veloce, ma con il rischio di perdere particelle di THC e CBD a causa dell'evaporazione/vaporizzazione accelerata. Una bollitura più bassa richiede molto più tempo, ma in questa maniera andreste a perdere meno THC e CBD (date un'occhiata al nostro articolo sulla vaporizzazione della vostra Cannabis, per ottenere maggiori informazioni su questo processo e su ciò che provoca la temperatura). I sostenitori del primo metodo vi direbbero che la perdita è minima se non assente, mentre chi è per una bollitura più lenta vi dirà esattamente il contrario. Ciò che vi consigliamo noi è di provare e di fare ciò che sentite possa portarvi ad un risultato migliore.
  6. Quando il tutto sarà in ebollizione, dunque, mescolate con regolarità e aggiungete acqua quando il volume originario si sarà dimezzato. A seconda della velocità di ebollizione, sarete in grado di capire quante volte quest'operazione andrà ripetuta.
  7. Saprete che il vostro burro è pronto quando vedrete separarsi dalla parte liquida uno strato sufficiente di grasso che verrà in superficie. Questo processo potrebbe richiedere dalle 3 ore all'intera giornata.
  8. Una volta giunti a questo punto, filtrate il liquido in un contenitore separandolo dalla miscela di marijuana. Prelevate, quindi, questa marijuana e, con i guanti, spremetela a mano sopra il contenitore utilizzando un secondo setaccio, in modo da recuperare tutto l'olio rimasto: ce ne sarà ancora parecchio, trattenuto dalla vostra erba, e sarete in questo modo in grado di recuperarne una quantità considerevole.
  9. Una volta terminato con il vostro impasto di marijuana, potete metterlo da parte per riutilizzarlo in un'altra occasione (vi consigliamo di farlo): potrete re-impiegarlo, infatti, come condimento per un'insalata o per insaporire i vostri piatti. Conterrà ancora una piccola quantità di cannabinoidi e, quindi, potrete usarlo fino alla fine, se siete fra coloro che amano sfruttare al massimo le proprie colture di Cannabis.
  10. Ritorniamo al nostro contenitore con uno strato di burro di Cannabis oleoso in superficie, sopra uno strato d'acqua. Ponete il contenitore in frigorifero per una notte intera. In questo modo gli oli si solidificheranno diventando, finalmente, il vostro cannabutter.
  11. Quando lo ritroverete il mattino successivo, fate attenzione a rimuovere lo strato di burro di Cannabis dal contenitore: è importante evitare di farlo bagnare con l'acqua sottostante o di farcelo precipitare dentro, perché potrebbe causare non pochi problemi.
  12. Avete, finalmente, il vostro burro di marijuana: conservatelo in frigorifero. Dovrebbe durarvi così circa due settimane prima di cominciare a degradare. Se volete che vi duri più a lungo, dovrete porlo in freezer e potrete usarlo quando vorrete. Tenete a mente, però, di farlo scongelare prima dell'uso e, per questo, sarebbe meglio che, prima di congelarlo, procedeste col tagliarlo in panetti di dimensioni adeguate. In questa maniera non dovrete scongelare tutta la vostra scorta quando ne avrete bisogno.

Il gioco è fatto! Il vostro burro di Cannabis è ora pronto per essere impiegato come base per tutte le ricette contenenti Cannabis che vogliate realizzare, o semplicemente per spalmarne uno strato su una bella fetta di pane!

Suggerimento Extra: è possibile, inoltre, insaporire il vostro burro di Cannabis per ottenere sapori nuovi o per usarlo in maniera diversa. Può essere insaporito con qualsiasi cosa vogliate, dalla frutta allo zucchero, dalle spezie alle erbe aromatiche, a seconda dell'uso che intendete farne. Alcuni sapori aggiuntivi, tra i favoriti dagli intenditori, per arricchire il cannabutter sono l'aglio, il timo e il basilico. Coloro che cercano un tocco speziato, possono aggiungere chilli in polvere, pepe, salsa piccante o la polvere 5 spezie (una miscela di spezie originaria della Cina). Un burro di Cannabis fruttato può essere realizzato aggiungendo succo di arancia, limone o mele. Se volete, invece, fare un burro dolce potete aggiungere zucchero, polvere di cocco o caramelle tritate.

Le possibilità sono illimitate e potrete ricorrere anche a degli avanzi che altrimenti sarebbero finiti nella compostiera: non avete nulla da perdere, non preoccupatevi di sperimentare e di realizzare il burro più saporito possibile!

comments powered by Disqus