Come coltivare funghi magici all'aria aperta

Pubblicato :
Categorie : BlogColtivare CannabisFunghi Magici

Come coltivare funghi magici all'aria aperta

La coltivazione di funghi magici è indoor. Tuttavia, si possono utilizzare anche altre tecniche. Sarà sufficiente disporre di piccole porzioni di micelio per colonizzare interi cortili, ottenendo scorte piuttosto abbondanti di funghi.

Siete liberi di acquistare funghi già adulti oppure di coltivarli. Ovviamente, questa seconda possibilità offre qualche vantaggio in più. Infatti, non solo risulta essere più economico, ma si instaura un rapporto molto più profondo con i vostri futuri compagni di viaggio. Inoltre, come detto in precedenza, la coltivazione all'aperto da la possibilità di ottenere abbondanti raccolti.

L'unico svantaggio nel coltivare funghi partendo da zero è la complessità del processo. Quando si coltiva utilizzando un kit di coltivazione i vari passi sono facili da seguire, ma partendo dalle spore bisogna avere un minimo di conoscenza micologica. Il principale problema riguarda le possibili contaminazioni esterne. Gran parte degli sforzi devono essere rivolti a ridurre al minimo il rischio di possibili infezioni da muffe. Ciò comporta l'utilizzo di sole attrezzature sterili, cercando sempre di mantenere l'area pulita. Ecco perchè sfruttare il giardino di casa potrebbe essere la soluzione ideale per realizzare una fungaia: non bisogna preoccuparsi eccessivamente delle possibili contaminazioni esterne e le rese offrono sempre grandi soddisfazioni.

Ciò non vuol dire che per realizzare con successo una fungaia è necessario un giardino privato, anzi, potete farlo ovunque (sempre che esistano le condizioni adeguate). Le zone isolate di un bosco offrono, quasi sempre, le condizioni ottimali, soprattutto se consideriamo che le spore, in questo modo, sono libere di diffondersi facilmente su tutta la zona circostante. Con il passare del tempo, le fungaie inizieranno a colonizzare il sottobosco in modo naturale, producendo vaste distese di funghi.

Comprendere meglio il micelio - Dal micelio al fungo

Prima di iniziare a coltivare funghi magici è di fondamentale importanza capire alcuni principi. Prima di tutto, bisogna sapere che il fungo è il corpo fruttifero dell'organismo vivente, il "vero essere", ovvero il micelio. Questo è da considerarsi la parte vegetativa del fungo, una fitta rete di color bianco che, lentamente, colonizza il substrato a lui circostante. Per realizzare in modo corretto una fungaia, dove i funghi possano crescere forti e sani, è necessario ricreare l'habitat ideale per lo sviluppo del micelio.

Quindi, per avviare una fungaia di funghi magici all'aria aperta è necessario, prima di tutto, il micelio. Sono sufficienti porzioni di substrato (come segale o trucioli di legno) colonizzati dal micelio del fungo. La segatura offre buoni risultato ed è una buona alternativa quando si coltiva all'aperto, soprattutto se consideriamo il processo descritto qui di seguito.

Esistono diversi metodi per ottenere una fitta rete di micelio. Il più semplice è quello di acquistare un kit di coltivazione completamente colonizzato (come il Supa Gro Kit 100%) ed utilizzarlo per diffonderne le spore in sacchetti contenenti segatura o trucioli di legno. In alternativa, si può iniziare con un sacchetto di grano sterile (qui disponibile), che può essere facilmente inoculato con siringhe contenenti spore. Non importa quale sarà la vostra scelta, il risultato finale sarà sempre lo stesso. Recuperato, quindi, un sacchetto di grano completamente colonizzato da spore o micelio, potete procedere all'aggiunta di segatura, apportando al micelio un mezzo dove potersi sviluppare.

Le ragioni che spingono ad usare il grano nel processo di colonizzazione e sviluppo è piuttosto ovvio: offre al fungo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno. Ciò assicura una crescita rapida e vigorosa del micelio, ma non evita la contaminazione esterna (molte famiglie batteriche amano cibarsi di grano). Tuttavia, quando il grano colonizzato viene aggiunto alla segatura e il micelio ha ormai raggiunto una posizione dominante, i rischi di infezione si riducono al minimo. Grazie a ciò, i potenziali concorrenti non hanno più sufficiente tempo per svilupparsi all'interno della segatura.

Il processo con cui si inocula grano colonizzato in segatura sterilizzata è semplice. Prima di tutto è necessario disporre di segatura, acquistabile nella maggior parte dei negozi per animali. Utilizzando un secchio, immergete la segatura in acqua bollente per circa 10 minuti, tempo sufficiente per sterilizzarla completamente. Scolate la segatura e, utilizzando un secondo secchio, versatela creando strati con il grano inoculato. Tappate, quindi, il secchio contenente i vari strati di materiale con un coperchio o un grande sacchetto di plastica, in modo da mantenere l'umidità interna. Aprite il coperchio, o il sacchetto, una volta al giorno per permettere all'aria fresca ed ossigenata di entrare all'interno del secchio. Trascorse dalle 2 alle 4 settimane, la vostra segatura dovrebbe essere stata completamente colonizzata e, quindi, pronta per essere riposta all'aria aperta. Per ogni metro quadrato di fungaia di funghi magici si necessitano circa 1,2 kg di segatura colonizzata.

Scegliere la location

La prima cosa importante da considerare, ancora prima di creare una fungaia, è l'illuminazione. In generale, la maggior parte dei funghi richiede luce solare indiretta e i funghi magici non sono da meno. Le varietà di fungo magico tendono ad essere eliotropi, il che significa che amano il sole. Pertanto, quando si sta per pianificare una fungaia di funghi magici, ricordatevi sempre di scegliere un luogo ben esposto, che riceva molta luce durante tutta la giornata, ma che i raggi del sole non colpiscano direttamente e per troppe ore al giorno l'area interessata.

Se la location non dovesse essere il cortile di casa vostra, siete sempre liberi di scegliere un luogo non troppo distante dal vostro domicilio, facilmente raggiungibile a piedi (ogni giorno, almeno durante il periodo di fruttificazione). Se le distanze dovessero complicare i controlli giornalieri, potreste correre il rischio di perdere potenziali raccolti (nel periodo di fruttificazione, le fungaie richiedono controlli frequenti e giornalieri).

Le zone verdi dove l'erba e gli arbusti si intrecciano, anticipando una zona boschiva, sono perfette per riporvi una fungaia, dato che offrono un facile accesso ed una positiva variazione dei fattori ambientali. L'ideale sarebbe poter disporre di una zona con una corrente d'acqua sotterranea, come ad esempio un pendio o una canaletta d'irrigazione. Ciò potrebbe risultare molto vantaggioso per la fungaia, in quanto il micelio troverebbe le condizioni ottimali in cui prosperare. In caso, invece, non fosse possibile trovare simili location, una zona di terra umida, appartata ma facile da accedervi, con una buona esposizione solare, sarà più che sufficiente.

Come realizzare una fungaia di funghi magici

Dopo aver compreso le linee fondamentali da seguire, avrete bisogno di procurarvi i seguenti materiali:

- Cartone
- Trucioli di legno sterilizzati (sterilizzati in acqua bollente come indicato precedentemente)
- Segatura completamente colonizzata da micelio
- Paglia o fieno (opzionale)

1. In primo luogo, il sito dev'essere liberato dalla presenza di possibili detriti. Ciò significa asportare parte della superficie fino ad arrivare alla terra minerale sottostante. In questo modo si rimuove la maggior parte dei potenziali concorrenti del micelio, favorendo lo sviluppo dei suoi corpi fruttiferi.

2. Rimossa tutta questa porzione superficiale, coprire tutta la zona con cartone.

3. Quindi, coprire il cartone con circa 5cm di trucioli di legno sterilizzati, distribuendoli nel modo più uniforme possibile.

4. Ora, inumidire i trucioli di legno e lasciare riposare per qualche minuto. Se vi state organizzando per disporre la vostra fungaia nel giardino di casa, allora potete facilmente usare un tradizionale tubo flessibile d'irrigazione.

5. È arrivato ora il momento di riversare il vostro primo strato di segatura con micelio direttamente sui trucioli di legno. È necessario distribuire in modo uniforme circa 400 grammi di segatura per metro quadrato.

6. Siete adesso pronti per disporre un altro strato di trucioli di legno sopra la segatura. Questo strato dev'essere di circa 7 centimetri di spessore.

7. Ancora una volta, inumidire lo strato e ricoprire nuovamente, in modo uniforme, con un altro strato di segatura (400 grammi per metro quadrato).

8. Una volta collocato questo strato, aggiungerne uno da 3cm di trucioli di legno.

9. Inumidire quest'ultimo strato di trucioli di legno e ricoprirlo con uno di segatura colonizzata (400 grammi per metro quadrato).

10. Si dovrebbe completare il processo con 3 strati di trucioli di legno e 3 di segatura (per un totale di circa 1,2kg per metro quadrato). Realizzato ciò, saturare l'intera area con abbondante acqua.

11. Ora, coprire il tutto con uno strato di cartone in modo da mantenere l'umidità superficiale.

12. Come misura precauzionale, è possibile coprire la fungaia appena realizzata con paglia, in modo da garantire un'ulteriore protezione superficiale. In alcuni casi, però, la paglia potrebbe contenere spore di funghi aggressivi, potenzialmente pericolosi, che potrebbero prendere il sopravvento e, quindi, dominare l'intera zona della fungaia. Pertanto, qualsiasi paglia utilizziate, assicuratevi sempre di sterilizzarla e di riporne solo uno strato sottile. In questo modo, quando la paglia inizierà a marcire nella parte sottostante, il vostro micelio dovrebbe essere già sufficientemente sviluppato, presentando le risorse necessarie con cui contrastare qualsiasi potenziale concorrente.

Questo è tutto. Con queste indicazioni potrete vantare una colonia di micelio in grado di produrre abbondanti raccolti di funghi magici. Una volta completato tutto il procedimento, sarà solo più necessario aspettare con pazienza i primi getti di funghi. Lasciate la fungaia indisturbata per almeno 6 mesi. Questo periodo di tempo permetterà al micelio di acclimatarsi adeguatamente e colonizzare i trucioli di legno. Considerando che la maggior parte delle varietà Cubensis producono, in natura, i loro corpi fruttiferi verso fine autunno-inizio inverno, sarebbe opportuno iniziare la nuova fungaia verso marzo. Per poter disporre di sufficiente segatura completamente colonizzata in quel periodo dell'anno, sarebbe opportuno inoculare il micelio nella segatura qualche settimana prima. Quindi, per andare sul sicuro, iniziate il processo di colonizzazione già nel mese di gennaio, assicurandovi così un buon margine di tempo.

In quasi tutte le zone del mondo, sono il cambiamento di temperatura e le piogge ad attivare la fruttificazione dei miceli. Tuttavia, se doveste passare per una stagione eccessivamente arida, aiutate la fungaia innaffiandola con abbondante acqua (una volta il mattino ed una la sera). Quando i primi funghi inizieranno ad emergere cercate di mantenerli costantemente sotto controllo, ogni giorno! Quando sarà ormai giunto il momento di raccogliere, controllate sempre che la superficie sia priva di qualsiasi specie invasiva potenzialmente pericolosa per la fungaia (non siamo interessati ad altre varietà vegetali e, quindi, dobbiamo eliminarle).

Il merito per la scoperta di questo metodo di coltivazione di funghi magici va a Paul Stamets. Potete approfondire il discorso sulla coltivazione dei funghi magici leggendo il suo ultimo libro "Mycelium Running".