Come Coltivare Erba Rispettando un Budget Prefissato

Pubblicato :
Categorie : BlogColtivare Cannabis

Come Coltivare Erba Rispettando un Budget Prefissato

Per diventare coltivatore di Cannabis non bisogna svaligiare una banca. La coltivazione della marijuana può essere economica ed efficiente, permettendovi di capire se è un hobby adatto a voi.

La coltivazione della Cannabis non dev'essere necessariamente costosa. Si possono ottenere ottimi risultati anche con budget limitati, ma pur sempre sufficienti per coltivare una o due piante da cui ottenere una scorta per uso personale di alta qualità. Quindi non preoccupatevi e non lasciatevi intimidire dai costi. Non dovete investire lo stipendio di tre mesi di lavoro per installare una buona coltivazione!

Dimenticatevi i lunghi elenchi pubblicati su Amazon con tutti gli accessori ritenuti NECESSARI per avviare una coltivazione di marijuana. Se vi state avvicinando per la prima volta a questo hobby, si possono mantene standard colturali molto più semplici ed ottenere ugualmente grandi risultati. Non solo riuscirete a risparmiare denaro per portare avanti questo magico hobby, ma getterete le basi per migliorare le vostre coltivazioni future, affinando le abilità colturali errore dopo errore!

La Cannabis, esattamente come qualsiasi altra pianta, ha bisogno di luce, acqua, CO2 e substrato per crescere. Si può coltivare all'aperto, opzione più economica, o indoor, in un ambiente molto più controllato che, però, richiede l'installazione di alcune speciali attrezzature.

OUTDOOR

La coltivazione outdoor è, senza dubbio, la scelta più economica per coltivare Cannabis. Tutti i parametri vengono forniti dalla natura e l'unica cosa che resta da fare è tenere sotto controllo le piante ed integrare le eventuali necessità nutrizionali con concimi. Una buona idea potrebbe essere quella di usare miscele di terriccio di prima qualità da aggiungere nella zona di coltivazione, ma questo dipende soprattutto dal budget a vostra disposizione. Se avete la possibilità di piantare in una buona zona ed il clima è adeguato alla coltivazione della Cannabis, allora le vostre uniche spese si ridurranno ai semi e ai tempi d'attesa.

Un'alternativa molto valida per mantenere bassi i costi ed alti i rendimenti è quella di elaborare la propria miscela di terreno. Potete imparare a farla qui.

Un'altra tecnica molto importante che contribuisce a migliorare le vostre cime, senza per questo richiedere spese aggiuntive, è la potatura.

La potatura è un'antica arte e tecnica basata sulla rimozioni di rami, foglie e getti inutili, con il fine di concentrare tutta l'energia della pianta sulle cime più importanti in fase di sviluppo.

Questa tecnica può essere applicata sull'erba o su qualsiasi altra pianta, con il fine di ottenere maggiori rese produttive senza costi aggiuntivi. Avrete sicuramente bisogno di praticare un po', ma potete imparare a farlo qui.

INDOOR

Le coltivazioni indoor sono di gran lunga più costose, ma offrono maggiore controllo e discrezione. Ecco una breve lista di ciò di cui avrete bisogno per assemblare una coltivazione indoor. Il seguente elenco contiene sia le attrezzature acquistate che quelle "fai da te". Sarete voi a decidere quale strada percorrere.

LUCI:

Questa è la parte più importante della vostra coltivazione e potrebbe anche essere la più costosa.

Se state cercando di non uscire dal budget prefissato, le luci fluorescenti CFL sono una buona alternativa per iniziare. Si tratta di lampadine facilmente acquistabili in qualsiasi negozio di ferramenta e comportano investimenti minimi. Sono perfette per la coltivazione di una o due piante di piccole dimensioni. Non riuscirete mai ad ottenere le stesse rese produttive dei sistemi d'illuminazione HID e a LED, ma offrono comunque al coltivatore esordiente la possibilità di sperimentare per la prima volta questa pratica colturale, senza dover investire fin da subito grandi somme di denaro.

Gran parte dei coltivatori hobbistici, tuttavia, usa le lampade HID. Si tratta dei sistemi d'illuminazione più standardizzati per la coltivazione della Cannabis, ma generano molto calore e richiedono molta energia. Per cui, oltre ad essere più care da acquistare, aumentano anche le bollette della luce e potrebbero richiedere un sistema di raffreddamento. È vero che le rese più abbondanti compensano le spese più elevate, ma se state cercando di rimanere sotto un determinato budget, dovrete valutare la frequenza con cui coltiverete.

Infine, se avete serie intenzioni di coltivare per diversi anni, allora potreste considerare anche le luci a LED. Gli investimenti iniziali sono i più elevati rispetto a qualsiasi altra lampada, ma risparmierete molti soldi sulla bolletta della luce. Si tratta del sistema d'illuminazione che richiede meno energia elettrica, non aumenta le temperature interne di una coltivazione indoor e, di conseguenza, non ha bisogno di impianti di raffreddamento supplementari. Se mai decideste di seguire questa strada, sarà sufficiente fare qualche ricerca e troverete le lampade a LED più adatte alle vostre esigenze.

SPAZI DI COLTIVAZIONE:

In commercio si possono trovare diversi modelli di armadio per la coltivazione della Cannabis, ma è proprio qui che potete dimostrare tutta la vostra creatività! Vi avanza un vecchio armadio? Ecco un nuovo spazio colturale per le vostre piante. Non dovrete essere falegnami professionisti per adattare un armadio alla coltivazione. Potrete personalizzare ed ottimizzare questo nuovo ambiente colturale con materiale riflettente, massimizzando l'intensità di luce disponibile per le piante. La vernice bianca può essere un'altra valida alternativa, molto interessante quando si deve rispettare un budget limitato. Evitate di usare fogli di alluminio o di carta lucida, in quanto inefficienti nel riflettere la luce. Inoltre, vi consigliamo di individuare e tappare tutti gli eventuali spazi da cui potrebbero uscire o entrare spiragli di luce.

ACQUA

Per iniziare a coltivare non è necessaria un'acqua dalle particolari proprietà. L'acqua del rubinetto va benissimo. I coltivatori più esperti preferiscono usare acqua con pH bilanciato (tra 5,5 e 6,5 e con EC tra 1,8 e 2,2). Consiglio personale: Se doveste sospettare che l'acqua del vostro rubinetto è cattiva, acquistate alcuni test per pH a goccia ed analizzatela. A seconda dei risultati ottenuti, considerate la possibilità di comprare anche un correttore di pH, per mantenere tra 5,5 e 6,5 i livelli di pH, ideali per la corretta crescita di piante sane e forti.

SUOLO:

Esattamente come per i sistemi d'illuminazione, anche un buon terriccio può comportare spese iniziali superiori, ma vi permetterà di coltivare piante più vigorose e vi farà risparmiare in fertilizzanti. Detto ciò, se il vostro budget dovesse essere troppo basso anche per sostenere questi costi, potete sempre affidarvi alla terra di un campo vicino a casa. Fate però attenzione quando prendete terra da una zona all'aria aperta, in quanto potrebbe contenere numerosi parassiti.

VENTILAZIONE:

Se state cercando di essere il più discreti possibile, dovrete acquistare un filtro ai carboni attivi. Su YouTube potrete trovare diversi video e tutorial su come assemblare un filtro ai carboni "fai da te", che potrebbero risultarvi alquanto utili per la sua eventuale costruzione. Una corretta ventilazione aiuterà anche a mantenere in circolo il flusso d'aria circostante, rifornendo l'ambiente di CO₂, indispensabile per i processi di fotosintesi della Cannabis.

CLIMA:

Non dev'essere né troppo caldo né troppo freddo, altrimenti le vostre bimbe potrebbero morire o non crescere sufficientemente sane da produrre raccolti decenti. Quando si coltiva con lampade HPS bisogna installare un sistema di ventilazione per raffreddare l'ambiente, mentre se si utilizzano luci a LED potrebbero non essere necessarie altre attrezzature supplementari. La temperatura ottimale per la crescita della marijuana oscilla tra 24° e 29°.

Come avrete potuto notare, finché si tengono in considerazione solo le esigenze principali di una pianta di Cannabis, la sua coltivazione non è necessariamente costosa. Se doveste optare per una coltivazione indoor, i costi iniziali potrebbero oscillare intorno ai 100€, a seconda delle vostre abilità nell'assemblare uno spazio di coltivazione chiuso. Una volta realizzato, avrete già superato il primo ostacolo! Come sempre, ricordatevi che la coltivazione della Cannabis dev'essere prima di tutto divertente, cercate quindi di godervela!

 

         
  Guest Writer  

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

 
 
      Scopri i nostri scrittori