Come Coltivare e Prendersi Cura di un Cactus San Pedro

Pubblicato :
Categorie : BlogCactus Da MescalinaCome si faRicetteSostanze psichedeliche
Ultima modifica :

Coltivare Cactus San Pedro


Il cactus San Pedro cresce molto in altezza, e può diventare un notevole ed imponente ornamento in qualunque giardino o serra. Il cactus riveste valore come enteogeno, poiché contiene la sostanza psichedelica mescalina.

Il cactus San Pedro appartiene al genere Echinopsis, della famiglia delle Cactaceae. Originario delle Ande, lo si può trovare fino ad altitudini di 3000 metri. È presente anche in Argentina, Bolivia, Cile, Ecuador, e Perù, ed è oggi coltivato in tutto il mondo. È un cactus colonnare che cresce rapidamente, con un fusto verde, chiaro o scuro, che raggiunge un diametro di 6-15cm. Il cactus presenta areole bianche, o bozzi, disposti ad intervalli regolari lungo le nervature del fusto. Queste areole producono circa 7 spine, gialle o brune. È una specie di cactus piuttosto alta, che può raggiungere altezze di 3-6 metri. Il cactus San Pedro ha numerose applicazioni; svolge un ruolo nella medicina tradizionale e veterinaria, ed è spesso usato come pianta ornamentale.

COS'È IL CACTUS SAN PEDRO?

Ora che abbiamo fatto la conoscenza botanica del cactus San Pedro, è tempo di passare alle cose interessanti. Il cactus San Pedro è stato impiegato per oltre 3000 anni in contesti religiosi presso certe culture aborigene delle Americhe, specialmente in Perù. Antiche raffigurazioni incise e residui fisici del cactus sono stati scoperti in queste regioni. La preparazione del cactus da parte dei nativi comporta il taglio del fusto e la bollitura delle trance. L'intruglio viene poi lasciato raffreddare e quindi bevuto. Il liquido poteva venir usato insieme con altre piante sacre psicoattive, come coca e tabacco.

Il San Pedro è celebre soprattutto per le sue proprietà psicoattive. Il suo effetto è il prodotto di numerosi alcaloidi prodotti dalla pianta, il più conosciuto dei quali è la mescalina. La mescalina, o 3,4,5-trimetossi-β-fenetilammina, è un alcaloide psichedelico appartenente alla classe delle fenetilamine, ed è noto per i suoi effetti allucinogeni, che vengono paragonati a quelli di psilocibina e LSD.

La mescalina è nota per produrre una gamma di effetti soggettivi, che possono consistere in un'alterazione della percezione del tempo e della coscienza di sé, visioni ad occhi aperti e chiusi, e modificazioni nei processi di pensiero; è nota per indurre distorsioni visive delle forme.

Le proprietà psichedeliche della mescalina sono correlate alle sue similarità strutturali con i neurotrasmettitori dopamina e serotonina. La molecola funziona in modo analogo ad altre sostanze psichedeliche, attivando il recettore della serotonina 5-HT2A.

GERMINAZIONE

Germinazione Coltivare Cactus San Pedro

Il cactus San Pedro può essere coltivato in casa per scopi ornamentali, o per le sue proprietà enteogene. Per dare inizio al processo di coltivazione, i semi della pianta devono esser fatti germinare. Per far ciò vi occorreranno:

Alcuni di questi ingredienti saranno usati per creare una miscela per il rinvaso, in cui i semi possano crescere. Il terriccio costituisce il 50% del mix, la sabbia fine il 20%, i sassolini 20%, e la perlite il 10%.

ISTRUZIONI

Istruzioni Coltivare Cactus

Prendete il contenitore di plastica e praticate dei piccoli fori sul fondo. Questi fori serviranno come sistema di drenaggio per assicurare che l'acqua in eccesso possa essere evacuata e non si accumuli; l'eccesso d'acqua può costituire un problema, e contribuire alla formazione di un'indesiderata putrefazione delle radici. Prendete ora i sassolini e divideteli in due mucchi di eguali dimensioni. Prendete uno dei due mucchi e spargetelo sul fondo del contenitore, a formare uno strato di pietrine.

In seguito mischiate insieme terriccio, sabbia, perlite, ed il resto dei sassolini. A questo punto, si ha l'opzione di sterilizzare questa miscela per assicurarsi che tutti i microorganismi indesiderati vengano eliminati. Per far questo, potete riscaldare la miscela in forno, per circa un'ora ad 80°C. Aggiungete una piccola quantità d'acqua al miscuglio perché sia leggermente saturo. Se il miscuglio lascia colare acqua in maniera percettibile, per rimediare aggiungete semplicemente del terriccio. Ora mettete la miscela nel contenitore, sopra il primo strato di sassolini.

È ora tempo di piantare i semi di cactus San Pedro. Mettetene alcuni sopra lo strato superficiale della miscela, ed usate uno spiedino di legno, o una matita fine, per spingerli sotto la superficie. Occorre interrarli solo alcuni millimetri.

FATTORI AMBIENTALI

Fattori Ambientali

Il cactus San Pedro preferisce, durante la fase di germinazione, temperature di 20-30°C. Potete posizionare il contenitore presso una fonte di calore per aiutare a tenerlo caldo; fate però attenzione che non si asciughi completamente.

L'umidità è un altro fattore da tenere in considerazione durante la germinazione. Verso la fine, il cactus sarà in grado di sopportare un ambiente secco; ma durante la germinazione è consigliabile mantenere umido il suo ambiente. Potete far ciò nebulizzando di tanto in tanto il contenuto della scatola; si possono utilizzare anche degli umidificatori.

I vostri cactus in fase di germinazione avranno bisogno anche di un'illuminazione adeguata. Sottoporli a luce diretta del sole durante questo periodo non è consigliato. Si può usare invece una sorgente di luce artificiale per le prime fasi, per un totale di 16-18 ore al giorno. Dopo 2-3 mesi i cactus possono essere esposti alla luce solare indiretta, e dopo un anno alla luce solare diretta.

COME PRENDERSI CURA DEI VOSTRI CACTUS

Come Prendersi Cura Dei Vostri Cactus

Proprio come qualsiasi altra pianta, il vostro cactus San Pedro avrà bisogno per prosperare di un po' d'amore, cure, e attenzioni. Per mantenere le vostre piante felici ed in buona salute dovrete fare attenzione a certi fattori.

Innaffiare in maniera eccessiva può senz'altro finire per costituire un problema. I cactus prediligono un ambiente secco, e non devono essere innaffiati spesso. Viene spesso riportato che innaffiare durante i mesi invernali è una potenziale fonte di problemi, specialmente a causa delle basse temperature; dovrete farlo, ma tenetevi su un minimo controllato. Un'innaffiatura moderata è consigliata fra primavera ed autunno, con un po' d'acqua extra durante i caldi mesi estivi.

I vostri cactus avranno di tanto in tanto anche bisogno di alcune sostanze nutritive, per mantenerli in salute e farli crescere bene. In commercio si trovano degli specifici nutrienti per cactus. I cactus prediligono ridotte quantità d'azoto e più elevate quantità di potassio e fosforo. Un buon rapporto di NPK per cactus è di 4-7-7, o 2-7-7.

VIDEO: LE ORIGINI DEL CACTUS DA MESCALINA

Luke Sumpter

Scritto da: Luke Sumpter
Luke Sumpter è un giornalista basato nel Regno Unito, specializzato in salute, medicina alternativa, erbe e terapie psichedeliche. Ha scritto per media come Reset.me, Medical Daily e The Mind Unleashed, coprendo queste ed altre aree.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti