Come Agisce l'LSD nella Lotta alla Depressione

Pubblicato :
Categorie : BlogScienzaSostanze psichedeliche

Come Agisce l'LSD nella Lotta alla Depressione

L'LSD potrebbe aiutare chi soffre di depressione ed alleviare i suoi sintomi. Come? Ha tutto a che fare con il viaggio mentale nel tempo.

Non ci stiamo riferendo ad un viaggio nel passato, in cui i ricordi più tristi riemergono con tutto il loro impeto. La scienza si riferisce al cosiddetto 'viaggio mentale nel tempo' come la capacità di ricordare alcuni eventi del nostro passato o di immaginare il nostro futuro. Non vi è mai capitato di ricordare episodi avvenuti, ad esempio, cinque anni fa e provare una sensazione piuttosto sgradevole per tutto il resto della giornata? Ebbene, questo è il cosiddetto viaggio mentale nel tempo. Molti psicologi ritengono che la nostra capacità di elaborare ricordi, in modo continuato, sia in grado di influire significativamente sulla percezione del nostro proprio Io e della nostra stessa identità, modellando il nostro carattere. Si tratta di una caratteristica molto comune anche tra le persone affette da depressione che, a quanto pare, potrebbero essere trattate con l'LSD.

La Default Mode Network (DMN) è una rete neuronale presente all'interno del cervello responsabile di elaborare ricordi di eventi passati, senza sosta. Questa nuova ricerca, pubblicata sulla rivista Journal of Psychopharmacology, ha trovato che l'assunzione di LSD potrebbe inibire questa funzionalità, aiutando coloro che soffrono di depressione ad interrompere le preoccupazioni legate al passato e al futuro.

LSD vs LSA - La differenza

COME PUÒ L'LSD AIUTARE A COMBATTERE LA DEPRESSIONE

Chiunque abbia provato una sostanza psichedelica è al corrente delle sue proprietà inibitorie nella sensibilità del proprio Io. Ciò permette alle persone di smontare il proprio essere e vedere le cose sotto una nuova luce. La scienza si riferisce a questo processo con il termine di "dissoluzione dell'ego". Le scansioni fMRI hanno dimostrato che questo stato è associato ad un DMN inibito, il che porterebbe a pensare che l'uso di sostanze psichedeliche, come l'LSD, potrebbe inibire attivamente il DMN, impedendo il viaggio mentale nel tempo.

Per mettere alla prova questa interessante teoria, un team dell'Università di Dundee reclutò un gruppo di volontari. A metà fu somministrato LSD e all'altra metà un placebo. Successivamente, ogni partecipante fu monitorato tramite fMRI, mentre veniva sottoposto ad un'intervista da parte dei ricercatori. Le trascrizioni delle interviste furono analizzate in combinazione con i risultati delle fMRI, in modo da rilevare eventuali costruzioni linguistiche chiamate "ruoli theta", con le quali si indica il viaggio mentale nel tempo, sia passato che futuro.

Da questo studio si rilevò che chi aveva assunto LSD tendeva a pensare meno negli eventi passati, rispetto a coloro che invece avevano assunto un placebo. Inoltre, si constatò che le occorrenze di viaggi mentali e di ricordi del passato venivano significativamente associate ad un livello di inibizione della DMN. Ciò dimostrerebbe che l'inibizione della DMN potrebbe aiutare a mantenere le persone più concentrate sul presente, invece di rimuginare sul passato e preoccuparsi del futuro, un significativo vantaggio per tutte le persone affette da depressione.

Vale la pena notare che per quanto gli effetti fossero reali sotto l'influsso di questa sostanza psichedelica, non si conosce ancora la sua efficacia nel tempo. Ciò richiederebbe ulteriori indagini. Tuttavia, il fatto stesso che l'LSD possa interrompere la DMN ed inibire il viaggio mentale nel tempo ci dà una buona comprensione del funzionamento del cervello e della depressione. I ricercatori hanno oggi la possibilità di percorrere nuove strade, dove trovare nuovi modi con cui combattere questa malattia mentale. Se, inoltre, consideriamo che un microdosaggio di LSD ha dimostrato, aneddoticamente, di essere efficace nel trattamento della depressione, allora ci rendiamo conto di come stia cambiando l'approccio verso questa sostanza psichedelica.

 

         
  Josh  

Scritto da: Josh
Redattore, psiconauta e "aficionado" della Cannabis, Josh è l'esperto di casa a Zamnesia. Trascorre le sue giornate immerso nella campagna, andando alla scoperta delle nascoste doti psichedeliche della natura.

 
 
      Scopri i nostri scrittori