Coltivazione Verticale della Cannabis: Tendenza o Necessità?


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare Cannabis

Coltivazione Verticale


Un'interessante tendenza colturale potrebbe far risparmiare denaro e spazio ai coltivatori di Cannabis. Troppo bello per essere vero? Scopri anche tu i vantaggi della coltivazione verticale e perché grandi e piccoli produttori potrebbero presto adottare questa tecnica.

Le magliette con la foglia di marijuana, le bonghe a maschera antigas e le rivoluzionarie lampade fluorescenti sono solo alcune delle tendenze più diffuse nel mondo della Cannabis. A volte, le tendenze possono risultare vantaggiose. E se ce ne fosse una che merita la nostra attenzione per futuri progetti colturali?

Ebbene, la Coltivazione Verticale è una tendenza dai risvolti alquanto interessanti. A prima vista, potrebbe sembrare fin troppo bella per essere vera. Spesso il principale ostacolo per un coltivatore è lo spazio da destinare alle piante di Cannabis, che dev'essere sufficientemente grande e controllato per garantire la loro corretta crescita. Allora perché non provare a coltivare Cannabis impilando le piante una sopra l'altra? Quando gli spazi sono limitati o si deve ottimizzare ogni centimetro quadrato di superficie, la coltivazione verticale può contribuire a ridurre i costi delle colture indoor. Questo metodo sta diventando sempre più popolare tra i coltivatori amatoriali, ma quali sono i principi su cui si basa e come funzione?

COME FUNZIONA UNA COLTIVAZIONE VERTICALE?

In poche parole, le piante di Cannabis vengono riposte su mensole strategicamente distribuite su pareti o strutture verticali. Ogni pianta viene concimata ed innaffiata con sistemi d'irrigazione simili a quelli adottati in un normale impianto idroponico. Le sostanze nutritive essenziali e l'acqua correttamente ossigenata vengono aggiunte tramite una serie di tubazioni alimentate da pompe. Ogni pianta cresce in un substrato inerte, come le palline d'argilla o la perlite. Oltre a questi importanti requisiti, bisogna considerare anche l'illuminazione, il parametro d'eccellenza in una coltivazione verticale.

I sistemi composti da una struttura verticale e cilindrica alimentata da un impianto idroponico stanno dimostrando di essere una delle scelte più popolari al momento di adottare questa nuova tecnica colturale. Le piante vengono impilate intorno ad una luce centrale, il che consente di ottimizzare la sua intensità e di ridurre significativamente i costi per la sua erogazione. Le piante coltivate in queste strutture verticali alimentate da impianti idroponici possono ricevere una maggior quantità di luce, risparmiando energia e spazio. Ispirandosi al SoG (Screen of Green), anche in questa tecnica colturale vengono usati i cloni, ma ciò che riesce veramente a massimizzare le rese di questi impianti è il gran numero di talee che si possono coltivare allo stesso tempo.

PERCHÉ SCEGLIERE LA COLTIVAZIONE VERTICALE?

Anche se a prima vista potrebbe sembrare una tecnica piuttosto complessa da avviare, persino i coltivatori con meno pretese potrebbero trarre enormi vantaggi. Il primo è il risparmio sui costi di manutenzione. Un impianto idroponico può richiedere investimenti iniziali piuttosto elevati, ma adattandolo alla coltivazione verticale le sue "spese di gestione" risultano essere molto più ridotte. Con spese di gestione ci riferiamo all'energia elettrica consumata durante tutto il ciclo di crescita delle piante. Garantire sufficiente luce alle piante con la corretta copertura luminosa può richiedere costi elevati. Ebbene, una fonte luminosa sospesa tra piante impilate verticalmente può offrire l'intensità più adeguata alla loro crescita, ma con un numero inferiore di lampadine.

Grazie a questa tecnica i coltivatori potranno risparmiare sia sulla bolletta della luce che sui metri quadrati da destinare alle piante. Questi impianti possono raddoppiare o addirittura triplicare le rese di una normale coltivazione orizzontale con piante di grandi dimensioni. Con un tale ritorno sugli investimenti, risulta piuttosto evidente che i coltivatori con problemi di spazio potrebbero ottenere risultati molto più proficui. Non solo. Anche le persone che coltivano un paio di piante per uso personale potrebbero ottimizzare le colture sfruttando gli angoli più angusti degli appartamenti. Qualunque sia l'obiettivo finale del coltivatore, questa emergente tendenza colturale offre alcuni vantaggi realmente interessanti.

 

         
  Lucas  

Scritto da: Lucas
Lucas anche è redattore part-time e visionario a tempo pieno. Un anonimo psiconauta atterrato nella società in giacca e cravatta, lavora per portare alle masse le prove evidenti prodotte dalla ragione.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti