Coltivare L'Erba In Un Box Di Coltivazione: Esperienza Di Un Coltivatore

Pubblicato :
Categorie : BlogColtivare CannabisCome si faOpinione

Coltivare L'Erba In Un Box Di Coltivazione


È giunto il momento di scoprire un'altra coltura indoor sperimentale con luci a LED con Top Shelf Grower. Questa recensione tratta della mia lotta per ottenere una super appiccicosa Gorilla Glue, una Kaboom ed una Mataro Blue nelle calde temperature della Catalogna.

DALLA 1ª ALLA 5ª SETTIMANA DI CRESCITA VEGETATIVA: COLTURA INDOOR CON LED

Se 16 anni di esperienza nella coltivazione della cannabis non vi insegnano ad essere più flessibili e a stringere i pugni, nient'altro lo farà. La repentina scelta di una luce a LED per il mio indoor era diventata una necessità per due motivi. Il primo è ovvio: proporvi recensioni sulla coltivazione e video pubblicati settimanalmente su YouTube per mostrarvi la crescita della marijuana dallo stadio di piantino al momento di fumarla. Il secondo è che, per ragioni egoistiche, avevo urgente bisogno di un'abbondante ed appiccicosa scorta di marijuana.

Così decisi di spacchettare il mio Dorm Grow G8 LED e di acquistare il resto del mio kit di coltivazione nelle successive due settimane. In breve tempo, stavo già germoglianoGorilla Glue di Zamnesia, 1 Kaboom e 1 Mataro Blue, entrambe di Kannabia. Germinarono 5 semi su 5, da cui fuoriuscirono minuscole radici a fittone in appena 48 ore da quando li misi dentro ad un tovagliolo di carta inumidito.

kit di coltivazione di cannabis

STADIO DI PLANTULA

Decisi di piantare i semi appena germogliati direttamente in vasi "air-pot" da 12 litri, per risparmiarmi futuri travasi. La crescita era veloce e le condizioni ambientali erano piuttosto facili da mantenere sotto controllo. Inizialmente le esigenze nutrizionali erano minime, per cui nella soluzione concimante ero solito aggiungere solo funghi benefici ed enzimi. Non arrivai mai a superare metà della dose consigliata di fertilizzanti Connoisseur Grow A+B della Advanced Nutrients, lavorando soprattutto con un quarto della dose consigliata dal produttore.

NOTIZIA CORRELATA
Fertilizzante NPK: Cos'è e Perché È Così Importante?

La cannabis richiede fino a 18 elementi diversi per crescere correttamente. Diamo uno sguardo da vicino ai 3 principali macroelementi.

Dopo 21 giorni dalla semina, decisi di cimare tutte le piante, tranne la Mataro Blue con il suo aspetto ibrido e il suo inizio più lento rispetto alle altre. Le tre Gorilla Glue e la solitaria Kaboom avevano un aspetto da vera indica ed erano ben ramificate.

Che Cosa Sono Le Plantule Di Cannabis?

PRIME FASI DI SVILUPPO DELLE PIANTE

Dopo 28 giorni dalla semina, le piante avevano già superato i 45cm d'altezza. Fu allora che presi le mie forbici ed iniziai a cimare tutte e cinque le piante con un taglio netto. Mi sembrò il miglior modo per riempire un Grow Box di 1,5m senza dover adottare un SOG. Rimasi sorpreso dalla velocità con cui si ripresero dallo shock. Dopo appena una settimana, al 35º giorno dalla semina, quando le temperature iniziavano a salire fino a 30 gradi all'esterno, passai dalle 18/6 ore di luce-buio alle 12/12 per la fioritura.

NOTIZIA CORRELATA
Speciali Varietà Di Cannabis Per Il SOG Della Philosopher Seeds

L'uso della tecnica Sea Of Green (SOG) consente ai coltivatori di massimizzare le rese negli spazi di coltivazione indoor più ridotti.

A questo punto era ormai ovvio che le tre Gorilla Glue mostravano alcune differenze. Due, se non addirittura tre, fenotipi iniziarono ad emergere e a differenziarsi. Non ero ancora del tutto sicuro. Due sembravano più indica ed erano ancora piuttosto simili, ma il terzo era più sativa. L'obiettivo principale del mio progetto colturale era proprio la Gorilla Glue. La possibilità di coltivare la marijuana più potente del pianeta mi sembrò un'occasione da non perdere.

La Kaboom era un'altra indica compatta e ramificata con foglie tozze, mentre la Mataro Blue era un ibrido indica-sativa con internodi molto più distanziati e meno ramificazioni laterali.

coltivare la marijuana più potente del pianeta

DALLA 1ª ALLA 9ª SETTIMANA DI FIORITURA: UN'INCANDESCENTE COLTURA INDOOR

Per la cronaca, la stanza degli ospiti riadattata a Grow Room non era dotata di aria condizionata, come nessun'altra parte di casa mia. E se ciò non bastasse, la potenza del contatore elettrico da me contrattata era minima. Diciamo pure che era la classica casa dove accendendo la lavatrice e il televisore nel soggiorno saltava la luce o scattava il salva vita al piano di sopra.

Perché è così difficile avere un po' più di elettricità in Spagna? A volte ci sono veri e propri blackout in intere città. Questa non è la migliore strategia per soddisfare i bisogni dei cittadini, e non sto scherzando. Se avete qualche idea per risolvere questo problema provate a proporla al Ministro degli Interni. Siamo nel 2018 e qualcuno dovrà pur risolvere questa situazione!

potenza del contatore elettrico da me contrattata era minima

ALTE TEMPERATURE

Non appena cambiai il timer su 12 ore di luce e 12 di buio le temperature divennero incontrollabili. Dalla 1ª alla 3ª settimana superavo la linea rossa dei 29°C quando le luci erano accese e i 23°C al buio. L'umidità era estremamente alta e sembrava non voler scendere al di sotto del 60%. Dovevo intervenire il prima possibile.

Tutte le piante, salvo la Kaboom, iniziarono ad allungarsi. Il fenotipo sativa di Gorilla Glue e la Mataro Blue accelerarono la loro crescita verticale. Se avessi usato una lampada HID quasi sicuramente avrei rischiato di perdere l'intero raccolto nelle prime settimane di fioritura.

Invece di combattere le alte temperature o di arrendermi al sole cocente, scovai una strategia per risolvere la situazione. Le piante amano la CO₂ e la marijuana non fa eccezione. Inoltre, l'assorbimento ottimale si verifica ad una temperatura superiore rispetto a quella richiesta nelle tradizionali colture di cannabis. Quando si aggiunge CO₂ in una Grow Room, le temperature ottimali vanno da 30 a 35°C. Nulla di troppo tecnico da capire o troppo costoso da acquistare.

L'aggiunta di un semplice sacchetto di CO₂ all'interno del Grow Box fece la differenza. Decisi di riporlo sul pavimento. Appendere pesi morti sopra le piante non è il mio stile. Ebbi così modo di uscire dalla zona di pericolo, o almeno così pensavo.

La Temperatura Nelle Coltivazioni Indoor

VISITATORI INDESIDERATI

Mi trovai di nuovo a dover affrontare problemi con la compagnia elettrica. A quanto pare si possono fare ispezioni domestiche del salva vita e delle prese di corrente anche agli affittuari, con il fine di aprire un conto con la compagnia elettrica. Maledizione! Cosa sarebbe accaduto se l'elettricista fosse entrato nella stanza degli ospiti per controllare una presa? Come avrebbe reagito davanti ad un Grow Box con piante in piena fioritura? Certo, il pensiero di staccare la spina mi balenò per la testa, ma non sarebbe stato certo il mio stile e ormai ero arrivato troppo lontano. Ma ebbi una brillante idea.

VISITATORI INDESIDERATI

MISURE DISPERATE

La chiave per superare questa visita a domicilio inaspettata era impedire l'accesso alla camera da letto del piano superiore. L'elettricista sarebbe arrivato un venerdì alle 11, o al 28º giorno di fioritura, quando fortunatamente le luci sarebbero state spente. Mantenerle accese di notte mi aiutava a ridurre le temperature di qualche grado e avrebbe evitato che l'elettricista notasse qualche anomalia con il suo apparecchio. Il mio piano era quello di lavare il pavimento qualche attimo prima del suo arrivo. In questo modo tutte le superfici sarebbero state scivolose, rendendo più complicato il sopralluogo. Inoltre, tirai fuori dall'armadio il mio rumoroso aspirapolvere completamente carico per creare una barriera invalicabile sulle scale.

E alla fine delle scale, in attesa di balzare dalla camera da letto del piano superiore che si affacciava sulle scale, c'era un boxer irlandese. Se il mio perimetro difensivo fosse stato violato e l'elettricista avesse voluto insistere per procedere con un'ispezione accurata stanza per stanza, avrebbe incontrato la feroce bestia. Con un solo salto l'elettricista si sarebbe ritrovato inchiodato sul pavimento, senza ovviamente alcun rischio di danni fisici. So cosa state pensando, ma la guerra è una faccenda sporca e il mio piccolo orsetto è veramente affettuoso una volta che lo conosci.

boxer irlandese

FINALMENTE IL RACCOLTO

Le alte temperature, anche con l'aggiunta di CO₂, aumentarono la richiesta d'acqua da parte delle piante di cannabis. Nella fase di fioritura arrivai ad irrigare tutti i giorni. Lentamente e costantemente, iniziai ad incrementare gradualmente le quantità di fertilizzante, aggiungendo anche qualche integratore e stimolatore con l'avanzare della fioritura. Dovevo continuamente regolare la luce a LED perché le piante erano diventate alte, superando anche 1,5m. Una lampada HPS da 600W avrebbe sicuramente fritto tutte le parti apicali delle piante.

NOTIZIA CORRELATA
Concimi Chimici vs. Organici

Sapere quali fertilizzanti usare nella coltivazione della Cannabis può essere una decisione difficile. Leggete questo articolo prima di...

Nelle ultime settimane fui costretto a procedere con una defogliazione moderata, in modo da consentire una maggiore illuminazione delle cime inferiori. Le cime popcorn vennero mantenute al minimo dopo aver asportato le ramificazioni più basse con la tecnica lollipopping, applicata su tutte le piante verso la fine della 3ª settimana. Questa tecnica la consiglio vivamente. Al 60º giorno di fioritura, il mio Grow Box era pieno di enormi cime ricoperte di cristalli che piegavano i rami sotto il loro peso. Dopo un accurato lavaggio delle radici con una leggera soluzione per il "flushing", ebbi modo di raccogliere tra il 60º e il 68º giorno.

Infine, dopo 10 giorni di essiccazione, iniziai a conciare 264g di marijuana di prima qualità. Rispetto alla mia precedente coltivazione con LED, mi ritrovai con 62g in più. Vi assicuro che ci sarà una terza coltura con luci a LED e vi anticipo già che è in lavorazione. Ma prima mi risentirete per una recensione completa su tutte e tre le varietà e su un nuovissimo concentrato di cannabis.

Quando E Come Raccogliere E Asciugare La Cannabis

Top Shelf Grower

Scritto da: Top Shelf Grower
Veterano della coltivazione della Cannabis ed originario di Dublino, Irlanda, oggi vive nel sud della Spagna. Impegnato nella diffusione delle sue recensioni, fino a quando non verrà catturato o ucciso.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti