Che cosa possono imparare i legislatori americani dai Paesi Bassi?

Pubblicato :
Categorie : Blog

Che cosa possono imparare i legislatori americani dai Paesi Bassi?

Un sacco di cose! La prossima domanda è: SONO DISPOSTI ad imparate qualcosa da Paesi con regole più liberali a proposito dell'accesso alle droghe leggere come, in particolare, la marijuana o continueranno ad aggrapparsi alla loro politica fallimentare da

Che cosa possono imparare i legislatori americani dai Paesi Bassi? Un sacco di cose! La prossima domanda è: SONO DISPOSTI ad imparate qualcosa da Paesi con regole più liberali a proposito dell'accesso alle droghe leggere come, in particolare, la marijuana o continueranno ad aggrapparsi alla loro politica fallimentare da trilioni di dollari portando avanti una "Guerra alla Droga" che non guarda alle conseguenze sulla società e sul bilancio nazionale? Certo, in Olanda le leggi riguardanti possesso e consumo di droga sono più liberali ma, considerando le tre seguenti domande principali, riusciranno ad ammettere che questa strategia sia fallimentare? Dopo la depenalizzazione, il consumo di droghe (pesanti) è aumentato? E`possibile distinguere il mercato delle droghe leggere da quello delle droghe pesanti? L'esistenza di leggi più permissive in materia di sostanze stupefacenti ha un effetto nocivo sulla salute pubblica? No, sì e no!

Uno studio realizzato dalla Open Society Foundations nel luglio del 2013 mostra i benefici del modello olandese dei coffee shop, laddove la marijuana viene venduta e consumata apertamente e, inoltre, come l'Olanda abbia mantenuto bassi i livelli del contagio da HIV fra le persone che si iniettano droghe; così come rimane basso il numero dei consumatori di marijuana fra gli adolescenti, riducendo così i costi legati alla gestione di misure esecutive pesanti simili a quelle applicate dai Paesi vicini. Lo studio evidenzia, inoltre, l'impatto del modello olandese della "separazione dei mercati", che limita l'esposizione e l'accesso delle persone alle droghe pesanti.

Quindi, venendo alle tre domande principali...

- Dopo la depenalizzazione, il consumo di droghe (pesanti) è aumentato? No, attualmente i Paesi Bassi sono un perfetto esempio di come la convinzione di molti capi politici, che ritengono l'applicazione di leggi sulle droghe meno severe equivalente all'apertura delle porte ad un maggior consumo di sostanze pesanti, sia del tutto priva di fondatezza. Uno studio del Cato Institute sulla depenalizzazione delle droghe in Portogallo ha mostrato come l'uso di sostanze stupefacenti sia DIMINUITO e ricerche sul consumo di droga in Olanda dopo l'applicazione, nel 1976, delle nuove leggi sul consumo di droghe hanno confermato i risultati raggiunti dal Cato Institute. La conclusione è: leggi più tolleranti unite ad un'educazione onesta sono la strada giusta da seguire.

- E`possibile distinguere il mercato delle droghe leggere da quello delle droghe pesanti? Sì, assolutamente! Ciascuna singola droga è a sé stante ed ha rischi differenti: il governo olandese è giunto alla conclusione che bisogna affrontare in maniera diversa droghe leggere e pesanti. Anzi, i coffee shop sono lo strumento perfetto per LIMITARE l'accesso delle persone alle droghe più pesanti. La maggior parte dei consumatori di marijuana acquistano le proprie scorte nei coffee shop, nei cui menù è presente SOLO marijuana. Se dovessero rivolgersi ad uno squallido spacciatore di strada per i propri acquisti d'erba, la possibilità che venga loro offerta qualche sostanza più pesante è decisamente maggiore. Facendo un paragone: in Svezia il 52% dei consumatori di marijuana ha dichiarato che il loro fornitore di erba ha, anche, da offrire droghe pesanti; in Olanda questa percentuale si abbassa al 14%.

- L'esistenza di leggi più permissive in materia di sostanze stupefacenti ha un effetto nocivo sulla salute pubblica? No, assolutamente no: è vero, piuttosto, il contrario! In Olanda la diffusione del virus dell'HIV è decisamente basso fra i consumatori di droga e il consumo di marijuana fra i più giovani è analogo a quello della media europea. Ma, ancora meglio, l'uso di droghe leggere fra adolescenti di età compresa fra i 13 e i 16 anni è più basso rispetto a com'era prima della depenalizzazione.

Dopo aver risposto a queste domande, la questione più grande rimane ancora insoluta... i capi politici e i legislatori di tutto il mondo riusciranno ad ammettere che le proprie politiche in merito alla regolamentazione delle droghe sono destinate a fallire se continueranno a battere la solita strada? Solo il tempo ce lo potrà dire...