Che Cosa È l'African Dream Root e Come Si Prepara?

Pubblicato :
Categorie : BlogErbe e SemiRecensioni Prodotto
Ultima modifica :

African Dream Root


Fino a poco tempo fa, l'uso di questa radice era solo parte della tradizione di un gruppo etnico sudafricano. L'esperienza indotta dalla Silene capensis è abbastanza soggettiva, tuttavia alcuni effetti sono comuni a tutti.

La Silene Capensis, conosciuta anche come African Dream Root, è un fiore che solo recentemente è finito sotto i riflettori del mondo occidentale. Il fiore e la radice di questa pianta sono considerati dei maestri sacri dai popoli Xhosa, un gruppo etnico sudafricano. Le radici sono usate per indurre sogni vividi e rivelatori che possono trasformarsi persino in sogni lucidi, anche se non è detto che ciò accada automaticamente.

Va precisato che molte delle conoscenze su questa radice sono frutto di tradizioni ed esperienze personali, quindi hanno natura aneddotica. A parte uno studio recente, questo fiore non ha ricevuto molte attenzioni dalla comunità scientifica.

Per comprendere a pieno la "radice dei sogni", bisogna capire che il sogno è profondamente insito nella cultura Xhosa. I sogni erano visti come dei messaggi rivelatori dei propri antenati. L'African Dream Root è solo una delle 300 piante psicoattive che i popoli Xhosa usano a scopi terapeutici e medicinali, tuttavia essa è una delle poche a godere dello status di pianta sacra, a causa dei suoi effetti onirogeni.

GLI EFFETTI DELLA AFRICAN DREAM ROOT

Gli Effetti Della African Dream Root

L'effetto più riconosciuto è il miglioramento della qualità del sonno. Per i consumatori regolari di questa pianta è del tutto normale svegliarsi rinfrescati e pronti ad affrontare la giornata. Sono sufficienti solo 6 ore di sonno per sentirsi profondamente riposati.

La Silene capensis è conosciuta per indurre sogni vividi e facili da ricordare. Inoltre, può capitare che durante il sogno si diventi estremamente lucidi, al punto da essere in grado di controllare il corso del sogno stesso; tuttavia, ciò non accade sempre. Al risveglio, i consumatori ricordano chiaramente ciò che hanno sognato. Tuttavia, se si vuole mantenerne la memoria  per i giorni successivi, è meglio prenderne nota da qualche parte. Il ricordo potrebbe non sopravvivere neanche un giorno intero.

Quando si è sotto effetto della radice, i sogni diventano più colorati del solito e i colori stessi sono estremamente vivaci. Secondo la tradizione, nei sogni indotti dall'African Dream Root è possibile trovare le risposte ai propri quesiti grazie alla ritrovata saggezza dei propri antenati. I popoli Xhosa credono che nello stato onirico la persone viventi possano comunicare con i loro antenati deceduti. Nella loro cultura, gli "antenati" sono solo quelli paterni. Secondo la tradizione, queste figure sono fonte di saggezza.

LA PREPARAZIONE TRADIZIONALE DELL'AFRICAN DREAM ROOT

La Preparazione Tradizionale Dell'African Dream Root

Ci sono diversi modi di assumere la African Dream Root. C'è chi preferisce masticarla, chi invece sceglie di berne un infuso: insomma, ce n'è per tutti i gusti. In primo luogo, parleremo del metodo tradizionale usato dai Xhosa.

Per questa preparazione, sono necessari 200-250mg di radice in forma polverizzata. Questa viene versata in mezzo bicchiere di acqua e mescolata finché non si forma uno spesso strato di schiuma. Mescolare la soluzione richiede non poco tempo, quindi oggi si tende a versarla in un barattolo che poi viene agitato. Una volta ottenuta la spessa schiuma bianca, la si rimuove con un cucchiaio o una cannuccia e la si ingerisce: è questo il prezioso nettare, la soluzione liquida non va bevuta! È possibile continuare ad agitare il barattolo per ottenere più schiuma. Di solito, si continua ad ingerirla finché non ci si sente gonfi. Questa modalità di assunzione è indicata al mattino, prima della colazione. Una volta che la fame fa capolino, si può mangiare normalmente.

VIDEO: COME USARE LA AFRICAN DREAM ROOT

MODALITÀ DI ASSUNZIONE OCCIDENTALIZZATE

Modalità Di Assunzione Occidentalizzate African Dream Root

Nelle culture occidentali, l'assunzione della Silene capensis in compresse è diventata la modalità più popolare a causa della sua comodità. In questo caso però, vengono impiegate maggiori quantità della radice. La dose consigliata è di circa 500mg-3g al giorno. Non è detto che gli effetti aumentino automaticamente con dosaggi maggiori, quindi è meglio cominciare con piccole quantità. Conviene essere prudenti piuttosto che rischiare di trovarsi a disagio. Se si vuole provare questa modalità, è meglio farlo di sera. Le compresse vanno prese 30 minuti prima di andare a letto. Non c'è da preoccuparsi se non ci si addormenta in questa mezz'ora. La radice è conosciuta anche per i suoi effetti rilassanti quindi non pensateci troppo e andrà tutto bene.

L'ultima modalità di assunzione tra quelle più diffuse è il cosiddetto "dream tea" ("tè dei sogni"). Per questa ricetta c'è bisogno di un cucchiaio di 4 ingredienti diversi. Cannella, radice di zenzero, miele (o zucchero) e un pezzo di 2cm della radice dei sogni. Per preparare la bevanda, si grattuggia con cura il pezzo di African Dream Root e lo si unisce allo zenzero e alla cannella. Si versa il miscuglio in un bicchiere di acqua bollente e si mescola il tutto. Durante il mescolamento, si aggiunge il miele o lo zucchero e poi si lascia la bevanda a riposare per 2 minuti. È possibile aggiungere latte o crema per migliorare il gusto, gli effetti della radice non ne risentiranno.

CONCLUSIONI

Conclusioni African Dream Root

Ci sono alcuni aspetti da considerare prima di decidere se iniziare questo viaggio o meno. Nonostante non ci siano riscontri scientifici, si dice che gli effetti diventino permanenti se si assume la radice per 3 mesi di fila. Bisogna stare attenti. Se dopo un paio di mesi non si è ancora sicuri degli effetti della pianta o del modo in cui influisce sui propri sogni, magari è il caso di sospendere. Meglio così piuttosto che ritrovarsi ad avere indesiderati sogni lucidi ogni notte.

Non sono stati riportati effetti collaterali o casi di decessi derivanti dal consumo di Silene capensis. D'altro canto però, la pianta non è stata studiata sufficientemente a fondo, quindi va consumata a proprio rischio e pericolo. Se si è incinta o se si sta allattando, è meglio consultare il proprio medico prima di procedere con l'assunzione. Tuttavia, è molto probabile che il medico non sarà molto informato a riguardo, quindi magari è il caso di non rischiare.

Per finire, non si è a conoscenza di stati in cui l'African Dream Root è illegale, ma è sempre e comunque responsabilità del consumatore verificare questo aspetto. Detto ciò, se decidete di provarla, speriamo che vi godiate l'esperienza e che otteniate gli effetti desiderati. Buona fortuna e... sogni d'oro!

Francisco

Scritto da: Francisco
Francisco è uno scrittore e fotografo di 20 anni. La sua passione per la cannabis lo ha spinto ad operare in questo settore a livello professionale. Con l'obiettivo di attenuare i pregiudizi che circondano i consumatori di marijuana, Francisco scrive articoli costruttivi e progressisti.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti