CBD vs CBN: Che Differenza C'è?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisCBD

CBD, THC & CBG - Esplorando I Cannabinoidi


Pur condividendo numerose proprietà terapeutiche, CBN e CBD vengono prodotti dalla pianta di cannabis in modi diversi. Scoprite questi due cannabinoidi, le loro differenze, e le varietà di cannabis con i più alti livelli di CBD e CBN.

Il CBD (cannabidiolo) e il CBN (cannabinolo) sono due cannabinoidi prodotti dalla pianta di cannabis. Sono stati scoperti negli anni '40, e furono i primi ad essere isolati dalla pianta. Attualmente, gli scienziati hanno isolato più di 110 cannabinoidi dalla marijuana.

I cannabinoidi interagiscono con il sistema endocannabinoide nell'organismo. Questo sistema, composto da vari recettori cellulari, è in grado di regolare diverse funzioni vitali. I cannabinoidi stimolano il sistema in vari modi e, di conseguenza, producono effetti diversificati.

Probabilmente la molecola della cannabis più famosa è il THC, o tetraidrocannabinolo. Il THC venne isolato negli anni '60, ed è considerato il principale composto psicoattivo presente nella marijuana.

COME FA LA PIANTA DI CANNABIS A PRODURRE CBD?

COME FA LA PIANTA DI CANNABIS A PRODURRE CBD?

La pianta di cannabis in realtà non produce cannabinoidi come CBD e THC in modo naturale. Infatti, inizialmente sviluppa una versione acida di questi composti, che successivamente vengono scomposti e trasformati in altre molecole.

Il primo cannabinoide acido che si sviluppa nella pianta di cannabis è il CBGA, o acido cannabigerolico. Man mano che la pianta matura, 4 diversi enzimi iniziano a scomporre questa molecola, trasformandola in CBG (cannabigerolo), THCA (acido tetraidrocannabinolico), CBCA (acido cannabicromenico), e CBDA (acido cannabidiolico).

Dopo che la cannabis è stata raccolta e conciata, questi acidi iniziano a decomporsi, tramite un processo chiamato decarbossilazione. Quando la cannabis viene appesa ad asciugare per la "conciatura", il calore nell'ambiente inizia a disgregare i legami tra atomi di carbonio presenti in questi acidi, trasformandoli in cannabinoidi come THC, CBC e CBD.

L'ultima fase della decarbossilazione avviene quando consumiamo la cannabis. Il calore generato dal fumo o dalla vaporizzazione, ad esempio, scompone automaticamente qualsiasi acido residuo, convertendolo in molecole facilmente assimilabili dal nostro organismo. Quando si cucina con la cannabis, è essenziale decarbossilare le cime in forno prima di usarle per preparare olio o burro.

Il processo di decarbossilazione

COME FA LA PIANTA DI CANNABIS A PRODURRE CBN?

Anche il CBN viene generato dalla decarbossilazione. Tuttavia, a differenza del CBD, non proviene da un acido della cannabis. Esso infatti deriva dal THC. Quando la cannabis viene decarbossilata, una parte del THC nella pianta si trasforma automaticamente in CBN. In alternativa, è possibile lasciar stagionare le cime raccolte per periodi più lunghi, in modo che il THC si decomponga naturalmente diventando CBN.

GLI EFFETTI DEL CBD

GLI EFFETTI DEL CBD

Gli effetti del CBD sono ormai abbastanza noti, poiché la molecola è stata sottoposta a vari studi scientifici nel corso degli anni. Quando il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide, attiva un processo antinfiammatorio in tutto l'organismo. Il CBD è considerato potenzialmente efficace nel trattamento di condizioni come artrite, malattie infiammatorie croniche intestinali, e persino disturbi mentali.

Finora, la scienza ha dimostrato che il CBD può ridurre l'infiammazione provocata da artrite1, colite2 (infiammazione intestinale), malattie infiammatorie croniche intestinali3, ed altro. Alcune ricerche indicano che il CBD è fino a 20 volte più efficace nel trattamento dell'infiammazione rispetto ai FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) come l'ibuprofene, e due volte più efficace rispetto ai farmaci antinfiammatori soggetti a prescrizione medica.

Il CBD è anche un potente ansiolitico. Molti studi4 su modelli animali e varie testimonianze riportate da pazienti umani hanno dimostrato che il CBD può ridurre i sintomi di paura, ansia, stress e depressione. Purtroppo, non è ancora chiaro in che modo il CBD riesca a raggiungere tali risultati.

Alcune indagini suggeriscono che il CBD agisca sui recettori della serotonina presenti nel cervello. Una ricerca5 del 2009 pubblicata nel British Journal of Pharmacology, ad esempio, mostra che il CBD riduce lo stress nei ratti, interagendo con il recettore della serotonina 5-HT1A. Si ritiene che il CBD possa stimolare l'aumento di serotonina nel cervello, oltre alla neurotrasmissione della serotonina.

Studi recenti indicano che il CBD potrebbe avere anche effetti antitumorali. I test evidenziano che il CBD può ostacolare la crescita di cellule tumorali, proteggendo le cellule sane. Altri studi mostrano6 che il CBD inibisce l'angiogenesi, ovvero lo sviluppo di vasi sanguigni nella massa tumorale.
Pertanto, il CBD potrebbe effettivamente contrastare la diffusione del tumore.

GLI EFFETTI DEL CBN

GLI EFFETTI DEL CBN

Per quanto riguarda gli effetti del CBN, gli studi scientifici sono notevolmente più limitati. Ad ogni modo, la ricerca sta iniziando ad esaminare più approfonditamente questo cannabinoide poco noto, portando alla luce i suoi numerosi effetti benefici.

Steep Hill Laboratories, un'importante azienda che effettua test sulla cannabis, ha pubblicato recentemente un articolo dettagliato7 sulle proprietà del CBN. Gli scienziati hanno notato che il CBN, come il THC, può favorire la riduzione della pressione intraoculare. Potrebbe dunque essere utile per il trattamento del glaucoma.

Steep Hill Laboratories ha scoperto anche che il CBN è un potente sedativo. Una dose di 2,5–5mg di CBN produce effetti simili a quelli prodotti da 5-10mg di diazepam. Il CBN è considerato il cannabinoide più sedativo, e i suoi effetti potrebbero trattare con successo dolori e disturbi del sonno.

Uno studio del 20128, pubblicato nella rivista Psychopharmacology ha esaminato gli effetti del CBD sulle abitudini alimentari dei topi. A quanto pare, il CBN aumenta l'appetito nei ratti, spingendoli a mangiare di più, e per periodi di tempo più lunghi. Viceversa, il CBD riduce l'appetito.

Gli studi9 che analizzano gli effetti dei cannabinoidi sul cancro mostrano che il CBN, come CBD e THC, potrebbe ostacolare la crescita di un tumore. Alcune indagini effettuate negli anni '70 indicano che il CBN ha proprietà anticonvulsive. Recentemente, alcuni scienziati svedesi hanno rilevato che il CBN agisce sugli stimoli dolorosi proprio come il THC.

NOTIZIA CORRELATA
Che Cosa È il Sistema Endocannabinoide?

Alcuni considerano la scoperta del sistema endocannabinoide come un miracolo. La cannabis può "sbloccare" questo sistema.

LE MIGLIORI VARIETÀ DI CANNABIS RICCHE DI CBD

Volete usufruire dei benefici del CBD? Ecco alcune delle varietà più ricche di CBD disponibili su Zamnesia:

Dinamed CBD Plus di Dinafem

Con un rapporto THC:CBD di 1:30, questa è sicuramente una delle varietà più ricche di CBD presenti sul mercato. Come si può intuire dal nome, questa pianta è stata concepita per i consumatori a scopo terapeutico. Offre tutti i benefici della cannabis, senza i potenti sballi euforici indotti dal THC.

Buddha Medikit di Buddha Seeds

Questa varietà della Buddha Seeds racchiude una massiccia dose di CBD, pari al 20%, e livelli di THC inferiori all'1%. È ideale da consumare durante il giorno, per ottenere sollievo terapeutico, senza effetti psicoattivi intensi. Buddha Medikit produce rese abbondanti, ed è apprezzata da chi coltiva in casa.

Nightingale di Medical Marijuana Genetics

Nightingale è un'altra eccellente alternativa alle varietà ricche di THC. Le quantità di CBD variano dal 10 al 20%, mentre la dose di THC non supera lo 0,68–0,9%. Le cime emanano un aroma dolce e vellutato, e sono ideali da fumare, vaporizzare, o per ricavare delle tinture.

LE MIGLIORI VARIETÀ DI CANNABIS RICCHE DI CBN

La maggior parte delle genetiche di cannabis disponibili in commercio non contiene grandi percentuali di CBN. Ad ogni modo, ecco alcune varietà che si distinguono per l'elevata concentrazione di CBN:

Super Silver Haze di Greenhouse Seeds

Questa è una varietà a dominanza sativa massiccia e potente. Grazie al 19% di THC, genera un'euforia intensa e stimolante. Potete lasciar stagionare le cime Super Silver Haze più a lungo, in modo da aumentare naturalmente la quantità di CBN.

Jorge’s Diamonds 1 di Dutch Passion

Battezzata così in onore di Jorge Cervantes, questa varietà indica potente e sedativa contiene un'elevata concentrazione di cannabinoidi. È una pianta a fioritura rapida, facile da coltivare, e offre ottimi risultati sia indoor che all'aperto. Provate a conciare le sue cime per periodi di tempo prolungati, per favorire la naturale produzione di CBN.

Dawg Star di T.H. Seeds

Questa genetica è famosa per le sue elevate concentrazioni di CBD e CBN. I suoi fiori producono effetti intensi, rilassanti e sedativi, e sono particolarmente apprezzati dai consumatori a scopo terapeutico. Dawg Star offre rese abbondanti ed è anche facile da coltivare.

Risorse Esterne:

1 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/PMC4851925

2 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/22163000

3 https://www.sciencedirect.com

4 https://www.projectcbd.org

5 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/PMC2697769/

6 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/PMC3579246/

7 https://www.steephill.com

8 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/22543671

9 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti