La Cannabis Può Aiutare A Far Perdere Peso?


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisCome si fa

Le 5 Erbe Migliori Per Perdere Peso


La cannabis viene normalmente associata alla fame chimica, gag tipica dei film comici amati dagli stoner. Tuttavia, la ricerca contemporanea si sta concentrando sulla capacità di alcuni cannabinoidi di reprimere l’appetito aiutando efficacemente a perdere peso.

LA CANNABIS PUÒ AIUTARE A PERDERE PESO?

Un'anonima citazione Rastafariana ha circolato per decenni tra le comunità cannabiche di tutto il mondo.

“La marijuana è tutto per tutti”.

Queste poche parole possono suonare un po’ stupide, ma la ricerca sulla cannabis sta scoprendo sempre nuovi utilizzi, apparentemente con funzioni opposte fra loro. A seconda della condizione da trattare, essa può agire in maniera differente. I componenti della cannabis, ad esempio, sono famosi per le loro proprietà ansiolitiche, ma possono anche stimolare creatività ed energia fisica. Allo stesso modo, la cannabis può contemporaneamente aiutare a controllare dolori forti e stimolare la sensibilità periferica al piacere.

Ciò che viene chiamato “panacea” ha qui ancora molto peso, ma si continuano a scoprire sempre nuove proprietà benefiche e utili della cannabis. L’importanza del sistema endocannabinoide del corpo fa pensare che esista un intimo legame fra l’uomo e la marijuana. I molteplici usi della cannabis sono possibili grazie all’ampia gamma di varietà disponibili, ognuna con le sue differenti caratteristiche. L’unicità dei principi attivi, come cannabinoidi e terpeni, determina specifici risultati terapeutici e ricreativi.

CANNABIS E CONTROLLO DEL PESO

CANNABIS E CONTROLLO DEL PESO

La cannabis ha molteplici utilizzi anche come integratore alimentare. Può aiutare le persone ad aumentare o perdere peso. Come antiemetico, mitiga la nausea e stimola l’appetito, aiutando molte persone con disordini alimentari. Queste stesse caratteristiche contribuiscono a migliorare la qualità della vita dei pazienti in cura con chemio e radioterapia fin dagli anni ’70.

La marijuana può anche essere un aiuto nella perdita di peso, riducendo l’appetito e controllando lo stress ormonale legato all’aumento di peso. Statistiche incoraggianti indicano che i consumatori di cannabis sono mediamente più magri. Esiste un certo numero di meccanismi che si sospetta si mettano in funzione durante il consumo di cannabis, determinando una perdita di peso.

MENO STRESS, MENO PESO

C’è un legame diretto tra elevati livelli di stress, cortisolo e aumento di peso. Consumare marijuana con regolarità è un buon modo per tenere sotto controllo lo stress. Il principio attivo denominato THC, presente tra gli altri componenti della cannabis, è il principale responsabile della riduzione dello stress e dell’ansia. Prevenire lo stress è la prima cosa da fare onde evitare che l’organismo produca ormoni indesiderati.

Il cannabinoide CBD riduce direttamente il cortisolo. Il CBD è il “cugino” del THC, ma non ha effetti psicoattivi. In uno studio del 1993, venne iniettato cannabidiolo (CBD) su soggetti umani volontari. Nel giro di 120 minuti, i livelli di cortisolo presenti nel plasma erano diminuiti significativamente.

Non provate assolutamente a iniettarvi CBD, né qualsiasi altra sostanza. L'olio di CBD per uso terapeutico è reperibile in commercio, così come le varietà di cannabis dall’alto contenuto di CBD, per i pazienti in trattamento medico. Dinamed CBD e CBD Fix Auto, ad esempio, son due rinomate varietà dall’elevato contenuto di CBD.

Vedere Il Prodotto

È stato scoperto, inoltre, che il CBD agisce come inibitore dell’appetito. In uno studio del 2012, ratti maschi furono nutriti giornalmente con cibo a base di CBD e messi a confronto con un gruppo di controllo di ratti alimentati con un placebo. L’elevato contenuto di CBD modifica gli effetti del THC, riducendo effettivamente la cosiddetta “fame chimica”.

CANNABIS & INTESTINO

CANNABIS & INTESTINO

L’essere umano vive in relazione simbiotica con centinaia di differenti creature, soprattutto quelle presenti nell’intestino. Nell’intestino sono presenti fino a 2kg di microscopiche creature in grado di interagire con le nostre cellule nell’armoniosa danza della digestione. Quando questo ecosistema è sbilanciato, può manifestarsi un aumento di peso.

Il tetraidrocannabinolo (THC) può ribilanciare il bioma intestinale e stimolare la perdita di peso. In una ricerca, è stato somministrato THC ad un gruppo di topi obesi per un periodo di quattro settimane. Durante l’ultima settimana la dose somministrata è stata aumentata, rivelando una significativa riduzione dell’aumento di peso, del grasso e dell’apporto energetico nelle cavie obese.

A seguito dello studio, l’analisi del microbioma intestinale dei topi ha rivelato una riduzione dei batteri responsabili del peso. La ricerca, pubblicata nel 2015 su PLoS One, ha messo in luce come il THC sarebbe in grado di ribilanciare la flora intestinale a favore di un metabolismo stabile. Su un gruppo di controllo di topi dal peso normale è stata somministrata la medesima quantità di THC, per lo stesso periodo di tempo. Questi esemplari hanno manifestato un sistema digestivo sano e hanno mantenuto un peso nella norma durante la sperimentazione.

CANNABINOIDI E INSULINA

CANNABINOIDI E INSULINA

Prima che si scoprano le potenziali applicazioni di tutti i cannabinoidi contenuti nella marijuana dovranno passare ancora decenni. Con il lento dissolvimento del proibizionismo a livello globale, la ricerca sta accelerando e nuove sostanze stanno venendo alla luce e sperimentate.

È risaputo che il diabete e l’obesità sono collegati, e tenere sotto controllo l’apporto di glucosio può determinare la perdita di peso. L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas che permette all’organismo di consumare il glucosio proveniente dal consumo di alimenti a base di carboidrati. Il glucosio che non viene utilizzato dall’organismo per produrre energia viene immagazzinato nelle cellule per un impiego successivo. L’insulina aiuta a mantenere l’equilibrio dei livelli di zucchero nel sangue: un sistema sbilanciato può provocare aumento di peso e diabete.

Il THCV o tetraidrocannabivarina è una variante del THC reperibile in alte quantità nelle varietà sativa. La famosa sativa Durban Poison ha elevate percentuali di THCV.

Uno studio del 2013 su ratti obesi alimentati con 10mg di THCV al giorno ha rivelato una riduzione dell’intolleranza al glucosio e una perdita di peso. Con ciò è stato ipotizzato un meccanismo cannabinoideo per il controllo del diabete di tipo 2 provocato dall’obesità.

ALCOOL

L’alcool è spesso il vizio sociale col quale viene messo a confronto il consumo di cannabis. In realtà, la principale somiglianza è determinata dal fatto che entrambe dovrebbero essere affrontate da un punto di vista legale. E qui finiscono i punti in comune.

L’alcool può provocare diversi problemi di salute. Quando si è ubriachi la reazione dell’organismo è un avvelenamento da alcool. Quando si è fusi la risposta dell’organismo è un’interazione tra cannabis e sistema endocannabinoide.

Con un consumo responsabile, l’alcool può mantenere la pressione sanguigna più bassa e migliorare la digestione. Un consumo eccessivo può portare a un aumento di peso e a dipendenza. La marijuana è priva di calorie, è un sostituto dell’alcool che non porta dipendenza e può determinare un calo di peso. In alcuni Paesi dove la cannabis è legale, la percentuale della popolazione obesa si riduce del 2-6% rispetto alla popolazione complessiva. Un ulteriore vantaggio, è la diminuzione degli incidenti stradali legati al consumo di alcolici.

RECETTORI DI CANNABINOIDI

Il THC e gli altri cannabinoidi associati attivano i recettori CB1 e CB2. Questi recettori sono collocati nella muscolatura liscia, nel cervello, nel sistema nervoso periferico e nel sistema immunitario.

Una ricerca del 2015 ha dimostrato che la stimolazione dei recettori cannabinoidei può ridurre l’appetito e prevenire l’accumulo di grasso corporeo. I consumatori di marijuana in linea generale corrono meno rischi di soffrire di sindrome metabolica. Hanno un IMC inferiore ed un girovita ridotto rispetto al resto della popolazione e tendono a essere più attivi fisicamente.

NOTIZIA CORRELATA
Le 5 Erbe Migliori per Perdere Peso

Numerose prove dimostrano che lo stile di vita più sano è quello naturale. Ecco a voi cinque erbe che possono contribuire alla perdita...

CANNABIS PER SALUTE E BENESSERE

Ricorrere alla cannabis per perdere peso potrebbe suonare come un controsenso. Dopotutto, uno dei cliché più diffusi sui fumatori di cannabis è la loro incontrollabile fame chimica. La rivista Hearst era anche solita pubblicare articoli secondo cui i consumatori di marijuana avrebbero mangiato bambini durante festini depravati e pieni d’erba. Mentre la fame chimica è un fenomeno reale che si manifesta in determinate situazioni, affermare che venissero mangiati i bambini è assolutamente ridicolo. Oggi, le ricerche sugli effetti benefici della cannabis nel mantenimento di un peso sano proseguono.

Electric Wombat

Scritto da: l'Electric Wombat
Artista e scrittore, l'Electric Wombat è un giardiniere professionista con un grande amore per gli spazi all'aperto. Quando non cresce, lavora alla sua arte, si gode la natura con il suo cane, o si crea i propri vestiti!

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti