Cannabis Legale Impiegata Come Sostituto Di Altre Droghe

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisScienza

Cannabis Legale Impiegata Come Sostituto Di Altre Droghe

Ancora una volta è stato dimostrato come la Cannabis possa ridurre, e non causare, i danni in persone con problemi di tossicodipendenza. Un efficace sostituto di sostanze stupefacenti più pericolose.

Di recente, abbiamo pubblicato un articolo che trattava della Cannabis e della sua efficacia come droga "sostitutiva" di sostanze stupefacenti più pericolose, offrendo alle persone con problemi di tossicodipendenza un'efficace via d'uscita. Ebbene, è uscita da pochi giorni una nuova ricerca che difende questa tesi, con risultati ancora più significativi!

La ricerca in questione è stata pubblicata sulla rivista Drug and Alcohol Review ed è stata condotta dai ricercatori dell'Università di Victoria della British Colombia. In questo documento viene delineato tutto il processo seguito per esaminare 473 cittadini canadesi con licenza al consumo di marijuana terapeutica, evidenziando l'impatto della Cannabis sulla loro propensione a consumare altre droghe. I risultati ottenuti sono assolutamente sorprendenti!

CANNABIS: AIUTA LE PERSONE A COMBATTERE LA TOSSICODIPENDENZA

Secondo lo studio, l'83,7% delle persone intervistate erano solite fare uso di Cannabis come sostituto di una o più delle seguenti sostanze: alcool, sostanze stupefacenti illegali e farmaci da prescrizione. Di queste, l'80,3% ha dichiarato di fare uso di marijuana come alternativa ai farmaci da prescrizione, il 51,7% all'alcool e il 32,6% alle sostanze stupefacenti illegali. Questi valori si riferiscono ai partecipanti con fascia d'età compresa tra i 18 e i 40 anni, più propense a fare uso di Cannabis per alleviare le sensazioni di dolore e malessere.

Gli autori di questo studio sono arrivati alla conclusione che la Cannabis non solo può avere importanti implicazioni mediche, ma potrebbe anche essere usata come un efficace strumento con cui ridurre i potenziali danni, aiutando le persone a non ricadere nella tossicodipendenza di sostanze più pericolose (sfruttando le proprietà della Cannabis, sostanza molto più facile da gestire). Questi risultati non fanno altro che appoggiare ancora una volta l'ipotesi che la Cannabis possa essere una potenziale via d'uscita alla tossicodipendenza e non l'anticamera delle droghe pesanti.

Siamo ormai in possesso di un numero sempre maggiore di prove che dimostrano come la Cannabis possa essere un vantaggioso strumento per la nostra società! Ora, sarebbe ancora più interessante poter vedere studi di questo genere applicati a un numero di partecipanti più ampio, come potrebbe essere tutto il territorio statunitense, dove l'uso della marijuana terapeutica si sta diffondendo su scala quasi nazionale. Quanto dovremo ancora aspettare prima che tutti riconoscano l'importante valore terapeutico della Cannabis?