Buoni risultati dalla legalizzazione: Il Colorado verso il rimborso fiscale?

Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisLeggi sulle droghe

Buoni risultati dalla legalizzazione: Il Colorado verso il rimborso fiscale?

La marijuana è legale in Colorado da ormai più di un anno. Com'è andata? È andata tanto bene da fruttare allo Stato buone entrate fiscali, tanto che ora si sta valutando di restituire qualche cosa ai contribuenti!

La totale legalizzazione dell'erba in Colorado è stato considerata da molti, in tutto il mondo, come un esperimento dalle grandi potenzialità ma anche dagli innumerevoli rischi. Beh, che razza di esperimento è stato! Da oltre un anno la criminalità e la disoccupazione sono in calo, mentre il turismo e le entrate fiscali sono aumentati. C'è ben poco di cui lamentarsi! Lo Stato ha riscosso un tale successo da prendere, oggi, seriamente in considerazione l'idea di restituire alla popolazione parte dei proventi fiscali derivati dalle vendite di marijuana. Tutto ciò, in realtà, perché la costituzione statale prevede un tetto massimo alla quantità di entrate fiscali che possono essere generate complessivamente a livello nazionale e questo tetto è stato rapidamente raggiunto e superato grazie alla rapida diffusione delle vendite di marijuana.

Sia i Repubblicani che i Democratici, in realtà, stanno cercando il modo di tenere i soldi nelle casse dello Stato, dal momento che entrambi i partiti insistono sul fatto che non abbia senso restituire i soldi ai cittadini. Alla situazione attuale delle cose, ciascun cittadino residente avrebbe diritto a riscuotere un assegno di circa 7$. Ovviamente non si tratta di grandi cifre, ma se si guarda ai numeri complessivi, si starebbe parlando di circa 30 milioni di dollari da restituire sui 50 milioni riscossi complessivamente. Se si considera che l'idea era quella di reinvestire queste entrate in ambito scolastico, non possiamo che essere d'accordo con i politici: i soldi non vanno restituiti ai cittadini. Ed è l'opinione diffusa anche fra gli stessi abitanti del Colorado, che concordano sul fatto che le loro tasse sulla marijuana dovrebbero essere investite per il miglioramento del proprio Stato, piuttosto che rimessi nei loro portafogli, trattandosi, peraltro, di cifre decisamente irrisorie.

Il problema di fondo, di fatto, è che ci si trova ancora a navigare in mari mai esplorati prima, con i legislatori che non sanno che pesci pigliare e come procedere. Tutto ciò potrebbe spingere lo Stato ad indire un referendum popolare per discutere la possibilità che le tasse generate dalle vendite di marijuana non vengano fatte rientrare nel tetto massimo previsto dalla Costituzione, come, ovviamente, dovrebbe essere!

Comunque vadano le cose, si tratta di notizie eccezionali. Sono molte le persone che si sono augurate che la legalizzazione della marijuana in Colorado si rivelasse un gigantesco fallimento, ma, se non altro, tutto ciò è la dimostrazione che il movimento per la legalizzazione sta andando sempre più forte, senza alcun impatto negativo sulla società. Usando le parole del capo della Polizia di Denver sugli effetti della legalizzazione: "Tutto sta andando bene", la criminalità è in calo e la polizia fa il suo lavoro come sempre.