Azienda Statunitense Propone La Cannabis Come Arma

Pubblicato :
Categorie : Blog

Azienda Statunitense Propone La Cannabis Come Arma


Una compagnia statunitense sta brevettando armi di Cannabis da usare contro guerriglie urbane e sommosse. Sostiene di sostituire le armi pericolose delle forze dell'ordine con alternative più "soft", pur contenendo altre sostanze al di fuori dei cannabinoidi ed appoggiando il principio della tortura.

Per decenni, le armi sono state usate per arrestare persone in possesso di Cannabis. Tra qualche anno, la polizia potrebbe usare la Cannabis come arma per arrestare criminali. Attualmente, la Cannabis è (o quasi) legale negli Stati Uniti e milioni di cittadini stanno facendo uso di diversi prodotti derivanti da questa pianta. "Ebbene, se non è così dannosa, allora perché non usarla per ristabilire l'ordine pubblico?", si è domandato qualcuno. Alcune persone, infatti, sostengono che la Cannabis potrebbe essere una straordinaria arma con cui contrastare guerriglie urbane e sommosse. Si sta aprendo un nuovo mercato.

NEGATA A FINI TERAPEUTICI E ADATTA COME ARMA

Il principio su cui si basa quest'idea è che i cannabinoidi sintetici o naturali sono ottimi sedativi e anestetici. Al contrario degli oppiacei, THC e CBD sono incapaci di creare depressioni a livello respiratorio e cardiovascolare, che potrebbero causare la morte di rivoltosi, piccoli criminali o sospetti. Ciò ha reso i toni molto più pacati. Date un'occhiata al LinkedIn Pulse: "Le nostre forze dell'ordine non dispongono di strumenti sicuri ed efficaci per sedare un sospetto o un detenuto... Se si riuscisse ad immobilizzare e a rendere inoffensiva una persona per un periodo prolungato... si potrebbe arrestare... e mettere in custodia cautelare o procedere all'arresto in modo molto più sicuro, sia per chi la usa che per chi la riceve..."

 

 

Canna-dart

 

BREVETTO IN CORSO PER PROIETTILI DI CANNABIS

Sembra che quest'idea verrà presto brevettata. Il loro motto sarà "FONDILI E FALLI FUORI PER ORE". Secondo alcune dichiarazioni: "La SAINT Brand Cannabis sembra intenzionata a riformulare alcune strategie letali e non letali, producendo ARMI DI CANNABIS NON LETALI da iniettare e/o da inalare, attraverso un'artiglieria a base di marijuana. Le loro armi immaginarie sono il CANNA-DART (dardi contenenti Cannabis), il CANNA-BALL (proiettili simili a quelli del paintball) e il CANNA-STER (bombole di gas alla marijuana)". Il bersaglio è indifferente, l'importante è scegliere la varietà di Cannabis più adatta alla situazione! Grazie ragazzi!

PERCHÉ NO

Queste nuove armi chimiche più "light" potrebbero evitare l'uso di armi più aggressive, come manganelli, spray al pepe, violente tecniche di combattimento e pistole elettriche.

armi più aggressive, come manganelli, spray al pepe e pistole elettriche

L'idea sembra promettente, vero? Peccato che l'azienda stia dichiarando di voler usare la Cannabis come arma per salvare vite umane in nome di Dio e poi, dai documenti del brevetto, risulta che verrà invece usata una miscela di THC (o qualcosa di simile) e "almeno un anestetico dissociativo... benzodiazepine, barbiturici, oppiacei, Diprivan, tiopentale, ketamina, desflurano, isoflurano, protossido di azoto, sevoflurano, xenon e le loro eventuali combinazioni". A dir poco assurdo! Per quanto riguarda la somministrazione, verranno usate "iniezioni ipodermiche, inalatori, sconosciuti dispositivi a base d'acqua, aria o meccanici, con fluidi, fumogeni, vapori, gas, gel o creme". I lettori che fossero interessati ad approfondire questa brillante idea possono consultare il blog LinkedIn Pulse.

Perché no? Provate a pensarci. Un poliziotto che vi arresta bloccandovi e fondendovi fino al punto di avere nausea, paranoie o mancamenti di pressione, per poi farvi il terzo grado su come avete passato le ultime ore della vostra giornata! Pur rimanendo un atto deplorevole e una forma di tortura, si tratta di una valida alternativa ad un calcio o uno schiaffone. Oppure, nel migliore dei casi, potreste avere la fortuna di trovare un poliziotto capace di somministrarvi solo il dosaggio sufficiente per rendervi più tranquilli in questura o davanti ad un giudice. Per ora, la SAINT Brand Cannabis, la compagnia disposta “A fondere tutti", mantiene ancora un sito web molto amatoriale, dall'aspetto poco invitante. Speriamo che mantenga questa grafica poco appariscente per molti anni ancora.

 

         
  Guest Writer  

Redattore Ospite
Di tanto in tanto, abbiamo l'occasione di collaborare con redattori ospiti qui a Zamnesia. Si tratta di persone provenienti dagli ambienti più diversi, il che rende inestimabili la loro conoscenza ed esperienza.

 
 
      Scopri i nostri scrittori  

Relativi Prodotti