Arte psichedelica creata da algoritmi di Google e Facebook

Pubblicato :
Categorie : Arte & CulturaBlogSostanze psichedeliche

Arte psichedelica creata da algoritmi di Google e Facebook

Sia Google che Facebook hanno creato algoritmi in grado di esprimere l'arte psichedelica, avvolta da un realismo "casual" alquanto convincente.

Quando diciamo arte "casual" non intendiamo un guazzabuglio di colori senza alcun senso. Anzi, è proprio l'opposto. Ciò che vogliamo esprimere è una vena creativa generata da nuovi algoritmi, in grado di trasformarsi in immagini realistiche, che potrebbero sembrare create dall'uomo.

Questi giganti del mondo informatico utilizzano diverse tecniche per creare queste immagini. Facebook utilizza una tecnica che si avvicina al sistema di vettori casuali, cui principi sono molto simili a quelli utilizzati da una persona priva di abilità artistiche per imparare a dipingere. Il suo processo consiste in due algoritmi. Il primo crea l'immagine basandosi sul sistema di vettori casuali, mentre il secondo algoritmo valuta se l'immagine ottenuta sembra realistica o no (o meglio, se può essere considerata un'opera realizzata dall'uomo). In caso fallisse questo test, l'immagine viene automaticamente rifiutata. Il risultato di questo processo sono immagini psichedeliche con un aspetto realistico, spesso simili ad edifici, animali o paesaggi.

Dagli esperimenti realizzati con gli algoritmi è risultato che:

"Circa il 40% dei campioni generati dal nostro modello di classe LAPGAN è risultato abbastanza realistico da ingannare la mente umana, facendole credere che si tratta di immagini create dall'uomo".

Building Dreams

Google, invece, ha usato un approccio apparentemente diverso. Partendo da un input, come ad esempio la foto del cielo, ha dato il via ai suoi circuiti neurali per fare il resto. Ancora una volta, il risultato è una convincente arte psichedelica che potrebbe facilmente passare per un lavoro realizzato da un artista in carne ed ossa.

Sky Arrow

Personalmente, pensiamo che il mondo dell'arte non corre il pericolo di essere soffocato dai computer, diventando una nuova fonte di guadagno priva di passione creativa. L'arte è molto più del semplice impatto visivo generato da un'opera. Tuttavia, dobbiamo ammettere che ci risulta sbalorditivo vedere come alcuni algoritmi siano in grado di creare opere d'arte di questo calibro.

-- AGGIORNAMENTO --

Questa nuova funzione "artistica" sta creando una vera e propria tendenza! Da oggi si può comodamente usare un sito web dove inserire una foto personale da rielaborare attraverso la psichedelica rete neurale di Google, oltre a poter visualizzare le immagini già inviate da altre persone.

Tutto ciò che dovete fare è entrare sul sito dreamdeeply.com, caricare la vostra foto ed aspettare che il sistema elabori la nuova versione "trippy" dell'immagine da voi inviata. Nelle successive ore riceverete una e-mail che vi informerà dell'avvenuta rielaborazione della vostra foto! Alcune delle immagini già visualizzabili sul sito sono veramente impressionanti. Vale sicuramente la pena fare un tentativo!