Arrestato in Francia un attivista pro-Cannabis

Pubblicato :
Categorie : Blog

Arrestato in Francia un attivista pro-Cannabis

Possessione ed uso di droga illegale. Questa è l'accusa ufficiale contro Domminique Broc, una delle principali figure tra gli attivisti per la legalizzazione della marijuana in Francia. Le forze dell'

Possessione ed uso di droga illegale. Questa è l'accusa ufficiale contro Domminique Broc, una delle principali figure tra gli attivisti per la legalizzazione della marijuana in Francia. Le forze dell'ordine sono entrate nel suo domicilio e lo hanno arrestato, incontrando 126 piante di Cannabis e 26 grammi d'erba. Gli è stata sospesa la pena carceraria, pagando una multa. Fortunatamente non dovrà passare anni dietro le sbarre. O almeno momentaneamente.

È lui che fondò il primo French Cannabis Social Club: una rivoluzionaria idea che potrebbe risolvere molti problemi legati al commercio legale di marijuana, garantendone la qualità per i suoi associati. Purtroppo, anche se le sue intenzioni erano sicuramente positive, tuttavia, le norme vigenti nel codice penale francese, non prevedono ancora attività di questo genere. Da qui la condanna.

Broc, essendo un uomo di 44 anni, non comprende quali colpe gli si attribuiscano ed ha ovviamente intenzione di presentare ricorso. Il suo avvocato, Philippe Baron, ha cercato di difendere il suo cliente in tribunale, dimostrando che il comportamento di Broc è stato legittima disobbedienza civile, cosa che, stranamente, in Francia è tollerato dalle leggi nazionali. Tuttavia, visto che Broc non ha la minima intenzione di rinunciare al suo club di Cannabis, ci si aspetta di rivederlo presto in tribunale. Dovesse infrangere nuovamente le leggi vigenti, rischia di passare in carcere i sei mesi che gli erano stati precedentemente sospesi. Nel frattempo, gli altri club di Cannabis, che avevano aperto in Francia, hanno ricevuto l'ordinanza ufficiale di chiudere. Pochi, ma molto importanti.