Le 5 Migliori Varietà Cannabiche Per I Coltivatori Ritardatari


Ultima modifica :
Pubblicato :
Categorie : BlogCannabisColtivare CannabisTop

5 Migliori Varietà Cannabiche Per I Coltivatori Ritardatari


Avete ormai poco tempo per coltivare piante di marijuana di qualità all'aperto ed ottenere buoni raccolti. Vivete nell'emisfero settentrionale, avete iniziato tardi e l'inverno è alle porte, ma potete ancora provarci. Ecco le migliori varietà di cannabis da coltivare a fine stagione nelle regioni settentrionali.

PERCHÉ USARE SEMI AUTOFIORENTI FEMMINIZZATI NELLE REGIONI DELL'EMISFERO SETTENTRIONALE

In autunno il destino potrebbe giocarvi un brutto scherzo e potreste ritrovarvi con una misera scorta di marijuana e nessun seme da piantare. In questi casi bisogna subito procurarsi qualche varietà da raccogliere verso il mese di ottobre, per poter così ravvivare le proprie scorte. I semi autofiorenti femminizzati possono cambiare le regole del gioco nelle colture tardive delle regioni settentrionali.

Le moderni autofiorenti non hanno più nulla a che vedere con le loro umili origini ruderalis. Le prime generazioni di autofiorenti erano così deludenti che in molti misero in dubbio la loro affidabilità. Oggi sono invece degne rivali delle tradizionali varietà fotoperiodiche. Per i coltivatori delle regioni dell'emisfero settentrionale intenzionati a coltivare cannabis all'aperto, il fattore decisivo tra successo e fallimento è il tempo. I freddi invernali caratterizzati da forti tempeste e nevicate non sono l'unica minaccia letale per la cannabis.

NOTIZIA CORRELATA
Calendario Per Coltivare Cannabis

Per questa stagione colturale, i "ganja farmer" residenti in Olanda e nei Paesi limitrofi dovranno affrontare diverse sfide per coltivare...

Spesso anche le varietà fotoperiodiche dalla fioritura precoce possono essere attaccate da muffe e funghi durante un mese di settembre più umido del normale. Perdere parte o tutte le cime più grandi è un problema ricorrente. Un ciclo di vita di più di 16 settimane, dalla semina al raccolto, non è abbastanza veloce per i coltivatori outdoor dell'Europa settentrionale. In una stagione colturale outdoor che va da marzo/aprile a settembre/ottobre ci sono molte insidie da superare.

È per questo che è sempre consigliabile coltivare piante robuste e vigorose, capaci di passare alla fase di fioritura automaticamente, con l'avanzare della loro età, piuttosto che per una variazione delle ore di luce ricevute. Le varietà più veloci pronte per essere raccolte dopo 55-70 giorni dalla germinazione sono le più adatte per queste condizioni ambientali. Con questo non vogliamo certo dire che si dovrà rinunciare a qualità e quantità, perché queste piante non hanno più nulla a che vedere con le vecchie ruderalis.

Le autofiorenti di ultima generazione sono la risposta alle vostre preghiere. Ecco alcuni ibridi autofiorenti di alta qualità elencati senza alcun ordine, ma che sapranno soddisfare anche il più esigente intenditore del nord.

SWEET SKUNK AUTO (Sweet Seeds)

Sweet Skunk Auto (Sweet Seeds)

La Sweet Skunk Auto ridefinisce il significato di marijuana di qualità dalla fioritura accelerata. Questa autofiorente di terza generazione è una miscela genetica di Critical Mass Auto ed una selezionata varietà fotoperiodica, la Early Skunk. Con la sua elevata produttività, la sua fioritura accelerata e i profumi speziati di Skunk vecchio stampo, la Sweet Skunk Auto è pronta per essere raccolta in appena 7 settimane e mezzo dalla germinazione.

Tutti i coltivatori si innamoreranno di questo ibrido Skunk capace di fiorire in tempi estremamente ridotti. Finora nessun'altra varietà autofiorente può completare il suo ciclo così velocemente e produrre rese così abbondanti. Le rese outdoor si aggirano intorno a 35-150g/pianta. Tuttavia, più tardi avvierete le vostre colture e maggiori probabilità avrete di coltivare con temperature fredde, il che ridurrà i raccolti alla stima più bassa.

Un'altra caratteristica vincente della Sweet Skunk Auto sono le sue dimensioni, molto interessanti per chi coltiva sui balconi. Normalmente, le piante non superano i 60-90cm di altezza. Se avete problemi di spazio e tempo, questa varietà di media potenza con i tipici sapori di Skunk fa sicuramente al caso vostro.

BLUEBERRY AUTOMATIC (Zamnesia Seeds)

Blueberry Automatic (Zamnesia Seeds)

Le notti più fredde di fine stagione possono giocare a vostro vantaggio con la Blueberry Automatic. Come la classica Blueberry, questo ibrido autofiorente risponde positivamente alle temperature più basse, mostrando i suoi meravigliosi colori blu/viola.

Incrociando la potente e deliziosa Blueberry con una robusta ruderalis si è ottenuta una varietà di cannabis di prima qualità, perfetta da coltivare a stagione colturale ormai avanzata. Ancora una volta, questa autofiorente è un ibrido poco appariscente e piuttosto piccolo, che non supera i 75cm d'altezza. Le rese sono soddisfacenti e, in media, si aggirano intorno a 50-100g/pianta. È una pianta che richiede qualche attenzione in più, ma otterrete sempre variopinte cime al sapore di mirtillo in 8-9 settimane dalla germinazione.

QUICK ONE (Royal Queen Seeds)

Quick One (Royal Queen Seeds)

La Quick One ha la reputazione di essere un ibrido autofiorente dalle alte prestazione e dall'elevata produttività, ideale per i coltivatori dell'emisfero settentrionale. La sua genetica proviene dal Canada e dall'originale autofiorente Lowryder. Non dovrebbe quindi sorprendere sapere che la Quick One è estremamente popolare tra i coltivatori di cannabis delle regioni più fredde.

Questa tozza e cespugliosa autofiorente è anche una valida opzione per chi coltiva di nascosto sul balcone. La Quick One non supera i 60cm d'altezza e ciò che la distingue è la sua incredibile resistenza. Può sopravvivere nelle condizioni climatiche più fredde, tollerare l'inquinamento luminoso dei lampioni delle strade e fiorire con poche ore di luce solare.

La Quick One non ha sufficiente potenza per farvi decollare verso orbite lontane, ma vi provocherà un piacevole effetto corporeo. Gli aromi rinfrescanti e leggermente al limone e i sapori deliziosi la rendono ancora più buona. In condizioni ottimali, può produrre fino a 150g/pianta, ma nelle regioni settentrionali è più probabile raccogliere circa 50g.

CRITICAL+ 2.0 AUTOFLOWERING (Dinafem)

Critical+ 2.0 Autoflowering (Dinafem)

Il nome Critical+ 2.0 Autoflowering è forse un po' più lungo da dire, ma si tratta di una versione perfezionata di Critical+ che vale la pena coltivare all'aperto. Incrociare una Critical+ Auto con un'originale Critical+ fotoperiodica potrebbe sembrare una mossa fin troppo azzardata, ma il risultato è una versione 2.0 più stabile, potente e produttiva.

La marijuana più amata dai coltivatori dell'Europa meridionale è oggi, e per la prima volta, disponibile anche per i coltivatori dell'Europa settentrionale. La Critical+ 2.0 Autoflowering è un ibrido a predominanza indica con forse il più impressionante rapporto fiore-foglia mai osservato su un'autofiorente. Diventa piuttosto grande per essere un'automatica, superando facilmente il metro d'altezza. Ma è proprio questa sua caratteristica a facilitare la produzione di cime più grandi del normale.

Richiede circa 70-80 giorni dalla semina. Vi consigliamo di iniziare a coltivarla in casa per 1-2 settimane con luci a LED o CFL, al fine di assicurarsi i migliori risultati in termini di rese una volta spostata all'esterno. La Critical+ 2.0 Autoflowering ricorda le Skunk old-school con i suoi aromi pungenti e gli effetti sia cerebrali che corporei. I coltivatori di fine stagione possono ottenere circa 100g/pianta, senza poter raggiungere la sua resa massima di più di 200g, a meno che non venga coltivata indoor qualche settimana e spostata all'aperto in regioni più meridionali.

60 DAY LEMON AUTO (DNA Genetics)

60 Day Lemon Auto (DNA Genetics)

Le cime dai sapori dolciastri e citrici sono sempre una delizia per i fumatori. Oggi, anche i coltivatori settentrionali di fine stagione potranno ottenere cime al sapore di limone in appena 60 giorni dalla semina. Ecco la 60 Day Lemon Auto, una meravigliosa pianta con fragranze da acquolina in bocca, pronta in poche settimane.

Questa varietà è frutto dell'eccezionale ibridazione di una deliziosa Lemon Skunk fotoperiodica con una robusta ruderalis. Rimane piccola e i raccolti non sono particolarmente abbondanti, ma se siete partiti già in ritardo e volete ottenere una scorta d'erba dai sapori incredibili, allora dovete provarla. Da questi piccoli alberi di limone di 1m d'altezza otterrete più di 28g, rese più che rispettabili nelle colture settentrionali. Gli effetti rilassanti e corporei sono perfetti dopo una lunga e dura giornata.

Top Shelf Grower

Scritto da: Top Shelf Grower
Veterano della coltivazione della Cannabis ed originario di Dublino, Irlanda, oggi vive nel sud della Spagna. Impegnato nella diffusione delle sue recensioni, fino a quando non verrà catturato o ucciso.

Scopri i nostri scrittori

Relativi Prodotti